Siamo ancora campioni con Giacomo Nizzolo - il commento

Giacomo Nizzolo è campione d’Europa

Per il terzo anno consecutivo l’Italia è campione d’Europa e stavolta con un velocista, Giacomo Nizzolo. Nel circuito di Plouay, in Bretagna è grande Italia  che con una gara tatticamente impeccabile conclusa con uno splendido successo in volata.

Le prime fasi della gara

Sintetizzare la gara con la volata però non rende giustizia allo spettacolo a cui abbiamo assistito. Nella gara di circa 170 km, una distanza inferiore rispetto al solito in un circuito che i corridori hanno ripetuto 13 volte tra stradine anguste e con diversi saliscendi. Una gara movimentata nelle prime fasi dalla fuga di 4 atleti di nazionali minori, ripresa proprio dal treno italiano a circa 70 km dall’arrivo. La nostra nazionale però è stata perfetta controllando la gara in tutte le sue fasi. Merito del tecnico Cassani che ha schierato una formazione completa e polivalente con Visconti, Boaro, Ballerini, Ulissi, Trentin e proprio Nizzolo che hanno lavorato da vera squadra.

Siamo ancora campioni con Giacomo Nizzolo - il commento

Lo spettacolo del finale di gara

Negli ultimi 5 giri inizia lo spettacolo. Si susseguono numerosi attacchi e contrattacchi portati da uomini di diverse nazionali (Spagna, Portogallo, Polonia etc.). Si gioca per un po’ al gatto col topo, ma il gruppo tiene botta e non consente distacchi superiori ai 30′ agli attaccanti. Nelle ultime fasi si scopre l’Olanda che tenta con Van der Poel l’affondo decisivo. I suoi scatti sono delle vere frustate che mettono a dura prova il gruppo. Ma lo sforzo degli uomini italiani è memorabile e rispondono colpo su colpo. Da lì in poi ci si avvicina compatti agli ultimi km e si intuisce che sarà una volata a decidere il titolo di campione europeo. La nazionale ha ancora energie e risorse e negli ultimi km lavora di squadra con Ulissi a tirar tutti sul col de Neuf e poi Trentin a mantenere il ritmo indemoniato per gli ultimi km. Si giunge così al rettilineo finale, un’ampia strada in lieve pendenza, e lì si completa il capolavoro azzurro. Ballerini tiene a ruota Nizzolo che a 200mm dall’arrivo parte a tutta non lasciando scampo agli avversari. Al fotofinish è primo contenendo gli attacchi di Demare, dato per favorito alla vigilia, e Ackermann. Un successo strepitoso che conferma sia la forza della nostra nazionale, al 3° titolo consecutivo, che per Giacomo Nizzolo che dopo il campionato italiano conquista anche il titolo di campione europeo.

Di Vincenzo Davide Catania

Vincenzo Davide Catania ha 35 anni e vive tra i ridenti colli di Bologna dove lavora come Chirurgo Pediatra presso l’Ospedale Sant’Orsola. Sposato con una donna meravigliosa che gli ha regalato 2 piccoli angeli, Giulia ed Emanuela. La passione per il ciclismo riemerge nei ricordi adolescenziali delle epiche imprese del Pirata, delle roboanti vittorie di Cipollini e Petacchi e delle imprese, nelle fredde terre del Nord, di Bartoli. Passista per natura e vocazione, nel poco tempo libero, spesso rubato al sonno alle prime luci dell’alba, coltiva la propria passione per la bici in una sfida costante con se stesso nella scoperta di nuovi e stimolanti percorsi che lo riportino ad un contatto puro con la natura delle montagne e del bosco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Gazzetta del Ciclismo partecipa al programma associati di Amazon Services LLC e di altri store. Potrebbe ricevere una commissione sugli acquisti effettuati tramite i link presenti sul sito.