Un grande Fabio Aru secondo alla Vuelta Burgos, dietro solo a Landa

Siamo davvero felici, quasi emozionati nello scrivere questo articolo. Su questo portale abbiamo sempre sostenuto che Aru fosse un campione, perché una Vuelta non si vince per caso. A maggior ragione ci fa davvero molto piacere vederlo tornare su livello apprezzabili. Il sardo oggi ha centrato un ottimo secondo posto nella classifica generale della Vuelta di Burgos, una breve corsa a tappe. Il vincitore della competizione è stato Mikel Landa, quindi non certo il primo passante per caso.

Da tre anni non vedevamo Aru su questi livelli. Da notare anche il fatto che il sardo ha saputo mettersi alle spalle corridori di grande importanza come Bardet, Sivakov e Caruso. Aru si è guadagnato questa piazza d’onore in salita, proprio dove negli ultimi anni aveva sofferto di più. Queste sono state le parole del Cavaliere sardo:

Sono contento del secondo posto. Dopo aver saltato il Tour sono andato a Lugan e al Sibiu Tour, ritrovando buone sensazioni sulla bici. A Burgos mi sono trovato bene, sono riuscito di nuovo ad attaccare e a combattere in corsa. Da tre anni non vivevo una sensazione così“.

Con queste motivazioni il sardo della Qhubeka dovrebbe riuscire a presentarsi ai nastri di partenza della Vuelta di Spagna che inizierà il prossimo 14 agosto. Non prima però di aver trascorso, meritatamente qualche giorno in famiglia. Forza Fabio!

DavePeriodista

Davide Bagnoli è un giornalista iscritto all’albo dell’Emilia Romagna. Nella sua carriera si è occupato di cronaca di ogni genere, ha sempre cercato di farlo con passione e con il sorriso sulle labbra. Quando possibile cerca di trasmettere il suo sorriso anche ai lettori, ama scrivere e questo lo ha portato a pubblicare due libri. La sua più grande passione sportiva è il ciclismo, sport che ama e pratica nel tempo libero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.