Giro dei Paesi Baschi 2024: triello Vingegaard-Evenepoel-Roglic per la supremazia in Spagna

Buona la prima per Primoz Roglic che vince la crono di apertura con 7 secondi di vantaggio su Jay Vine, 10 su Skjelmose, 11 su Evenepoel e 15 su Vingegaard. Ecco quello che ci attende nei prossimi giorni.

Neanche il tempo di riprendersi dalla schiacciante vittoria di Mathieu Van Der Poel al Giro delle Fiandre di questa domenica santa, che subito si torna in sella per un’altra corsa importantissima e piena di campioni: il Giro dei Paesi Baschi 2024. Andiamo ad analizzare la breve corsa a tappe spagnola.

Giro dei Paesi Baschi 2024: un test importante in ottica Tour de France

La gente che popola i Paesi Baschi da sempre vive per il ciclismo e affolla le strade delle gare più importanti del mondo, e siamo sicuri che quest’edizione della loro corsa di casa infiammerà ancora una volta i loro animi. Partiamo dall’elemento più importante: tre dei quattro favoriti del prossimo Tour de France, ovvero Vingegaard, Roglic ed Evenepoel, saranno al via. Per la prima volta in stagione questi tre campionissimi si sfideranno nella stessa gara, e potremo trarre indicazioni importanti per la Grande Boucle. Se il danese e il belga sono partiti fortissimo in questo 2024, vincendo già più volte, lo stesso non si può dire dello sloveno. Il neo capitano della BORA-hansgrohe ha infatti esordito alla Parigi-Nizza senza trovare successi parziali e chiudendo in decima posizione in classifica. Vedremo se, rispetto a inizio marzo, la condizione di Rogla sarà migliorata in questo Giro dei Paesi Baschi 2024.

Altri uomini da tenere d’occhio al Giro dei Paesi Baschi 2024 sono le secondo linee in casa Visma, BORA e Soudal Quick-Step. Stiamo parlando del campione in carica della Vuelta Sepp Kuss, del vincitore del Giro 2022 Jay Hindley e di Mikel Landa. L’australiano e il basco hanno iniziato bene la stagione, centrando rispettivamente il terzo e ilsecondo posto finale alla Tirreno-Adriatico e al Giro di Catalogna. Lo stesso non si può dire dell’americano, molto sotto tono alla Parigi Nizza. Altri uomini da tenere d’occhio sono Ayuso, Del Toro, Skjelmose, Geoghegan-Hart, Gaudu, Ion Izagirre, Bilbao, Buitrago, Carlos Rodriguez, Pidcock e Gall.

Bestseller n. 1
Petorenk Set Abbigliamento Ciclismo Uomo Estivo - Elegante e Funzionale Body da Ciclismo Con Pantaloncini Imbottiti in Gel 19D Traspirante e Ad Asciugatura Rapida (M, Nreo)
  • 🚴【Design Estivo】: Il set di abbigliamento ciclismo uomo estivo Petorenk ti offre comfort e stile durante le tue avventure in bicicletta durante le calde giornate estive.
  • 🚴【Tessuto Traspirante】: Realizzato in tessuto traspirante di alta qualità, il body da ciclismo offre una perfetta ventilazione per mantenere la pelle fresca e asciutta durante gli allenamenti intensi.
  • 🚴【Vestibilità Perfetta】: Il body da ciclismo uomo Petorenk è progettato per adattarsi perfettamente al tuo corpo, offrendo la massima libertà di movimento e evitando fastidiosi sfregamenti.
  • 🚴【Tasche Pratiche】: Dotato di tasche posteriori, il body da ciclismo offre spazio sufficiente per riporre gli oggetti personali come chiavi, smartphone o barrette energetiche.
  • 🚴【Cerniera Frontale】: La cerniera frontale rende facile indossare e togliere il body da ciclismo, offrendo anche una maggiore regolazione della ventilazione durante la guida
Bestseller n. 2
HOMTOL Abbigliamento Ciclismo Set Manica Corta Tuta Ciclismo Uomo Completo Ciclismo Estivo Per Bici Da MTB Con Pantaloncini Imbottiti in Gel Traspirante e Ad Asciugatura Rapida
  • 【MATERIALE】: questo set è realizzato in fibra di poliestere al 100%, morbido ed elastico, non facilmente deformabile e molto traspirante, ottimo per l'assorbimento del sudore. Il tessuto altamente elastico permette al corpo di allungarsi liberamente.
  • 【CARATTERISTICA】: maniche corte da ciclismo, la parte superiore è realizzata in tessuto sportivo a rete piccola, le ascelle sono cucite con una grande rete olandese e i pantaloni sono realizzati in tessuto sportivo Lycra ad alta elasticità, che ha una forte traspirabilità e traspirabilità per mantenerlo liscio e asciutto. Assorbimento del sudore, protezione UV, morbido, traspirante, ultraleggero, elastico, idrofilo.
  • 【Cuscinetto protettivo 3D spesso】 Il design interno include un cuscinetto in gel e uno spesso cuscinetto in schiuma 3D, che si adattano ai fianchi senza scivolare e proteggono le ossa dell'anca da danni.
  • 【CLASSICO 3 TASCHE E Orlo ANTISCIVOLO】 3 tasche posteriori elastiche possono aiutarti a riporre telefoni cellulari, chiavi, portafogli, occhiali da sole, occhiali, fischietto, piccola torcia e altri attrezzi da equitazione. Lo speciale bordo elastico in gomma epossidica impedisce ai pantaloni di salire e scendere durante l'allenamento faticoso. Le maglie da ciclismo estive hanno segni riflettenti, che tu vada in bicicletta al mattino o alla sera, puoi migliorare il fattore sicurezza.
  • 【Scenari applicabili】: sia uomini che donne possono indossarlo, ampiamente utilizzato per bicicletta, mountain bike, escursioni a breve e lunga distanza, guida notturna, terreno leggero, corse a breve distanza, ecc. In caso di problemi con i nostri prodotti, ti preghiamo di contattarci prima di restituire o valutare, ti forniremo una soluzione soddisfatta.

Da Irún a Eibar: il percorso

Il percorso del Giro dei Paesi Baschi 2024 si preannuncia molto duro e tosto, con tante tappe brevi e piene di diverse salite alcune delle quali durissime. In generale, si conferma la tendenza che domina negli ultimi anni nelle corse di una settimana di presentare tante frazioni, nessuna delle quali semplice. Si partirà domani con una cronometro di 10 km a Irún. Già nella prima tappa gli uomini di classifica si daranno battaglia per mettere fra loro del distacco. Poi due tappe interlocutorie che potrebbero vedere un arrivo in volata, ma non per questo semplici. Infine il crescendo rossiniano rappresentato dalle ultime tre frazioni, una più dura dell’altra. A Eibar, sabato 6 aprile, sapremo chi sarà il vincitore di questa breve e affascinante corsa a tappe, per poi vivere, il giorno dopo, una domenica imperdibile con la Parigi-Roubaix.

Cesare Fabrizi

Ha 27 anni, ha studiato all’Accademia d’arte di scrittura e storytelling e sogna di pubblicare un fumetto da lui sceneggiato. Si è innamorato del ciclismo durante la terza tappa del Giro d’Italia del 2004, vinta da Damiano Cunego. Quel giorno decise che da grande avrebbe fatto il ciclista, purtroppo non è andata così e si consola con il tennis. Da allora non si è perso un Giro d’Italia e un Tour de France, e questo spiega la sua predilezione per i cronoman e gli scalatori come Wiggins, Contador e Pogacar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *