Giro di Catalogna la stoccata di Remco

Spettacolo doveva essere e spettacolo è stato

Un lungo preludio di oltre 100 km per vedere gli ultimi 25 km della tappa conclusiva di questo giro di Catalogna con scalata dell’Alt del Castell de Montjuic (2,5 km al 4,1% con picchi al 19%) con un finale thrilling

Tappa a Remco e corsa a Primoz

Dopo le scaramuccie di ieri i 2 campioni non mancano l’appuntamento finale regalando grande spettacolo

Carapaz (EF) ci prova trascinando con sé altri 8 corridori ma per loro la vetrina dura poco

La Quickstep controlla la corsa tenendo la fuga a debita distanza preparando l’azione finale di Evenepoel

Attacco a -25 km dal traguardo nonostante la grinta e la sua cattiveria Remco non riesce a staccare Primoz. I due assieme fanno il vuoto alle loro spalle, primo degli umani Soler che riesce a tenere fino all’ultimo giro

Ultima passarella è per i 2 corridori che in parata vincono dividendosi cavallerescamente tappa e maglia

Che spettacolo, che emozioni tante troppe per.una gara di appena una settimana, questo ciclismo moderno ci piace davvero tanto

La corsa parte forte

Giro di Catalogna tappa 3

La stoccata di Remco

Colpo di Evenpoel nella terza tappa del giro di Catalogna che vince su Roglic dopo una splendida azione ai – 5 km dall’arrivo che conferma nuovamente i progressi del campione belga in salita. Percorso di 180 Km con partenza da Olost e arrivo a La Molina con quasi 4000 m di dislivello.
Partenza e via con una fuga d’autore guidata da Carapaz (EF), ormai fuori dalla CG, i nostri Petilli e Zana, seguiti da Eg Martin e Van Gils. Petilli conquista punti importati sui GM per la classifica KOM in cui si porta al comando.

La fuga resiste fino ai -10 km ripresa poi dal grande lavoro degli uomini della Soudal Quickstep in vista della salita finale proprio alla Molina. Ultimo a resistere è proprio Carapaz che cede solo a quasi 6 km dall’arrivo.

Inizia poi la gara degli uomini di classifica, o meglio inizia la gara di Remco.

-5 km all’arrivo e il belga apre il gas e saluta la compagnia. Unico a resistere, ma ad altissimo costo è proprio Roglic che riesce a tenere la ruota del campione del mondo. Per Evenepoel è uno splendido assolo, stacca negli ultimi metri anche lo sloveno e dimostra un’interessante spunto veloce e si candida prepotentemente per la vittoria finale. Prova di maturità e di coraggio per Remco la cui crescita diventa di giorno in giorno sempre più impressionante. Domani tappa per velocisti con arrivo a Sabadell, in attesa delle ultime 2 tappe.

OffertaBestseller n. 1
IPSXP 2500 Lumens Luci Bicicletta LED,Ricaricabili USB Super Luminoso Luce Bici Anteriore e Posteriore,Impermeabile IP65 Luci Bicicletta per Bici Strada e Montagna-Sicurezza per Notte
  • MODALITÀ DI RISPARMIO - Premere l'interruttore, l'indicatore luminoso blu che entra nella modalità di rilevamento della luce , la luce della bicicletta si accende automaticamente quando la luce ambientale è insufficiente , la luce della bicicletta si spegne automaticamente quando la luce ambientale è sufficiente.
  • LED unico con design antiriflesso: la luce per bici E0S220 offre un'elevata visibilità SENZA l'abbagliamento di pedoni / motociclisti in arrivo. Lo speciale LED fornisce l'equilibrio ottimale tra intensità luminosa (60lux, 10m) e consumo energetico. La luce stabile offre una copertura uguale, anche su terreni sconnessi, il che è estremamente sicuro e importante di notte.
  • LAMPADA USB PER BICI A LUNGA DURATA - Nessun problema di sostituzione delle batterie! La nostra luce per bici a LED è ricaricabile tramite USB con una batteria al litio incorporata. Caricalo completamente sul tuo computer o caricatore a muro (cavo di ricarica USB incluso) per 2 ore, la luce anteriore della bici può funzionare fino a 4 ore consecutive.
  • RESISTENTE ALL'ACQUA - Indipendentemente dalle condizioni meteorologiche o dall'ambiente in cui desideri andare in bicicletta, questo set di fari per bicicletta a LED non ti deluderà mai. Con la plastica resistente all'acqua, puoi godere di una chiara visibilità durante la pioggia, le notti buie e in ogni occasione.
  • Alta qualità: le luci lampeggianti super luminose avvisano i conducenti della tua presenza. Gli attacchi di montaggio di alta qualità mantengono le luci sulla bicicletta, anche su strade sconnesse. Questo set di luci per bici illumina anche il percorso a distanza ravvicinata, mostrandoti dossi e potenziali pericoli sulla strada. Illumina il percorso a lungo raggio nella completa oscurità.
Bestseller n. 2
URAQT 4 Pezzi Bracciale Riflettente, 35 x 5 cm Alta Visibilità Fasce Riflettenti, Bracciali Sportivi Riflettenti Regolabile di Sicurezza, per Ciclismo, Corsa, Adulti e Bambini Caviglia, Polso (A)
  • 💫【Materiale Premium】: Il cinturino di sicurezza riflettente regolabile è realizzate in tessuto elasticizzato e materiale riflettente. Sicuro, non tossico, inodore e confortevole. Pregevole fattura, può essere utilizzato a lungo. Con rivestimenti riflettenti, le strisce riflettenti possono riflettere la luce in tutte le direzioni. Bracciale riflettente: 35 * 4 cm, di piccole dimensioni è molto facile da trasportare e riporre, può essere messo in tasca o in borsa in qualsiasi momento.
  • 💫【Alta Visibilità】: Bande riflettenti è perfetta per chi ama uscire la sera. Le strisce riflettenti diventano argento brillante una volta esposte alla luce per un'eccellente riflessione e visibilità in tutte le condizioni atmosferiche. Il nastro riflettente ti aiuta a essere più visibile e più facile da vedere quando sei all'aperto. Migliora la sicurezza di tutti gli utenti della strada al tramonto e al buio.
  • 💫【Nastro Riflettente Regolabile】: Braccialetti catarifrangenti è facile da usare, con chiusura in velcro e lunghezza regolabile. Si attaccano facilmente a polsi, braccia, polsi, polpacci e caviglie, con una forte appiccicosità, supportano l'usura ripetuta e ripetuta, non perderanno appiccicosità, sono perfetti per gli appassionati di sport all'aria aperta.
  • 💫【Morbido e confortevole】: Braccialetti riflettenti ha un'eccellente elasticità, può essere esteso a 40 cm nello stato allungato, nastro riflettente flessibile a doppio strato addensato e regolabile. Comodo da indossare su attrezzature sportive e abbigliamento, non si muoverà durante l'esercizio e non interferirà con le tue attività all'aperto. Offri un'esperienza confortevole e sicura per ogni corsa, escursione o giro in bicicletta.
  • 💫【Ampia gamma di applicazioni】: Bande catarifrangenti ad alta visibilità è adatta per la corsa all'aperto, il ciclismo, la moto, l'escursionismo, ecc. E può essere utilizzata da bambini, adulti e anziani. Sono anche affidabili per lavori generici, adatti a polizia, soccorso, forestali e montanari, cani domestici e da soccorso.

Giro di Catalogna tappa 2

La Zampata di Ciccone

Sul traguardo di Vallter / Setcases Trionfa Giulio Ciccone (TREK) in volata su Roglic (Jumbo) e Evenepoel. Sul percorso di 165 km con oltre 3000 m di dislivello e un arrivo sopra i 2000 m è andata in scena un’altra splendida festa per il ciclismo. e la seconda tappa del giro di Catalogna non ha deluso le attese.

Fuga di giornata con Simone Petilli (Intermarché-Circus-Wanty), poi Ewen Costiou (Arkéa-Samsic), Christopher Juul Jensen (Jayco AlUla), Simon Carr (EF Education-EasyPost), Vadim Pronskiy (Astana Qazaqstan), Julen Amezqueta (Caja Rural-Seguros), Francisco Galván (Equipo Kern Pharma), Xabier Mikel Azparren (Euskaltel-Euskadi).

Il gruppo lascia fare con la fuga che guadagna fino a oltre 4′ di vantaggio.

Poi in prossimità dell’ascesa finale di Vallter inizia la vera gara. La fuga pian piano si sgretola con Carr ultimo a resistere. Lavorano le squadre dei big con la Bahrein per Landa e la Quickstep. Ai -5 km dall’arrivo la prima mossa però la fa Chaves (EF) che prova l’azione solitaria fino ad avere oltre 30 secondi sui migliori. Ai -2 però si muovono i big, in particolare Evenepoel che da solo guida l’inseguimento del colombiano con Roglic e proprio Ciccone a ruota: Chaves viene ripreso ai -500 m dall’arrivo e il terzetto si gioca tutto in volata. Proprio Giulio sceglie la traiettoria migliore e dopo l’ultimo tornante piazza la zampata vincente su Roglic e Evenepoel. Gioia per l’italiano che all’arrivo dedica la vittoria a Cataldo vittima di un infortunio ieri.

Buone le prestazioni anche per Almeida che da solo resiste dopo un lungo inseguimento causa un incidente meccanico, Yates e Landa, nonostante non sia riuscito a giocarsi la vittoria alla fine, che arrivano tra i migliori. In classifica generale mantiene il primato Roglic ma al secondo posto ci sono proprio Evenepoel e Ciccone ad appena 6 secondi e domani si replica con arrivo a La Molina e per il nostro Giulio le quotazioni salgono anche per una possibile vittoria finale.

Giro di Catalogna tappa 1

Arrivo in volata a Sant Feliu con un percorso leggermente in salita e il corridore sloveno non ha perso le buone abitudini. Dopo aver vinto su tutto e tutti alla Tirreno Adriatico si ripete anche oggi nella gara di apertura del giro di Catalogna regolando sul traguardo tutti gli uomini di classifica. Tutti più uno Remco Evenepoel che fino all’ultimo metro ha provato a vincere ma senza riuscirci

Riavvolgiamo brevemente il nastro

Prima tappa del giro di Catalogna partenza da Sant Feliu e arrivo sempre nella stessa località con 165 km e 2000 m di dislivello.
Gara segnata dalla fuga di giornata con Rune Herregodts ( Intermarché-Circus-Wanty), Alessandro De Marchi (Team Jayco-AlUla), Oscar Onley (Team DSM), Pau Miquel (Equipo Kern Pharma), Jetse Bol (Burgos-BH) bravissimi a tenere fino ai -10 dall’arrivo

Poi inizia una nuova corsa con le squadre di classifica che provano a fare l’andatura e a tenere ritmo alto per i loro capitani. Ai – 5 brutta caduta in gruppo con Sbaragli a terra e Cattaneo a pagare il conto più alto.

Il finale è uno show per Roglic ormai un predatore esperto. Con calma serafica attende l’ultimo momento per sferrare lo scatto decisivo quello che in pochi attimi fa il vuoto dietro sé. Ultimo a mollare Remco che esce un po’in ritardo dal gruppo per provare a prendere la ruota dello sloveno senza riuscire però a superarlo
Un gustoso antipasto della sfida più attesa in questo giro di Catalogna che promette bene anzi benissimo anche in vista del Giro d’Italia
Siamo solo all’inizio ma la settimana catalana promette già tanto spettacolo.

Ultima nota per il nostro Ciccone (Trek) che conquista un buon 5 posto confermando l’ottimo stato di forma dopo la Tirreno.

Vincenzo Davide Catania

Vincenzo Davide Catania ha 35 anni e vive tra i ridenti colli di Bologna dove lavora come Chirurgo Pediatra presso l’Ospedale Sant’Orsola. Sposato con una donna meravigliosa che gli ha regalato 2 piccoli angeli, Giulia ed Emanuela. La passione per il ciclismo riemerge nei ricordi adolescenziali delle epiche imprese del Pirata, delle roboanti vittorie di Cipollini e Petacchi e delle imprese, nelle fredde terre del Nord, di Bartoli. Passista per natura e vocazione, nel poco tempo libero, spesso rubato al sonno alle prime luci dell’alba, coltiva la propria passione per la bici in una sfida costante con se stesso nella scoperta di nuovi e stimolanti percorsi che lo riportino ad un contatto puro con la natura delle montagne e del bosco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *