Giro d’Italia Under 23: chiediamo che la maglia bianca venga dedicata a Giovanni Iannelli

Ieri è stato presentato il Giro d’Italia Under 23, la speciale corsa rosapesata per i più giovani. Questo speciale Giro partirà da Urbino per rendere omaggio al genio di Raffaello Sanzio, morto 500 anni fa dopo aver scritto una pagina importante nella storia del Rinascimento italiano. La competizione tra i più giovani andrà in scena dal 29 agosto al 5 settembre. A disegnare classifica e vincitori saranno delle tappe molto interessanti che permetteranno ai futuri talenti di mettersi in mostra.

Gli organizzatori hanno assicurato che in questo Giro avrà uno spazio fondamentale la sicurezza dei ciclisti, che sarà curata nei minimi dettagli. Questa assicurazione, che condividiamo e reputiamo debba essere sempre al centro di qualsiasi competizione, non può che riportare alla nostra memoria la vicenda di Giovanni Iannelli. In occasione del Giro Giovani 2020 verrà infatti assegnata una speciale maglia Bianca AIDO, destinata al leader della Classifica Giovani. Questa iniziativa prevede il sostegno all’Associazione Italiana Donatori Organi, a cui Giovanni ha donato i suoi organi dopo il terribile incidente che lo ha visto protagonista e che è in attesa di essere chiarito.

Chiediamo che la maglia Bianca Aido sia dedicata a Giovanni Iannelli

Attraverso la propria pagina Facebook, ieri il gruppo #GiustiziaperGiovanni ha chiesto all’organizzatore Marco Selleri di spendersi affinché questa maglia venga dedicata a Giovanni. In passato infatti anche Giovanni Iannelli ha corso il Giro d’Italia Giovani e rappresenta inoltre la generosità estrema di una donazione fatta all’Aido. Si tratta di una richiesta che, come ha ben detto il papà Carlo “va ben oltre il ciclismo e sarebbe un passo di umanità“.

Questa maglia se sarà intitolata alla memoria di Giovanni rappresenterà un gesto molto importante dal punto di vista umano. Ancor più però sarebbe una pagina importante in materia di sensibilizzazione verso la sicurezza dei ciclisti. Come Gazzetta del Ciclismo non possiamo che unirci a questa richiesta che riteniamo non soltanto legittima ma a dir poco doverosa. Chiediamo quindi agli organizzatori del Giro d’Italia Under 23 di prendere questa importante decisione.

Un simile impegno, accompagnata dalla sottoscrizione di una doverosa campagna, può rappresentare il volto più bello del ciclismo, quello che Giovanni rappresenta alla perfezione. Il suo nome e la sua foto sorridente meritano infatti di essere associati alle battaglie per un ciclismo più umano e una competizione che avvenga nel rispetto della vita degli atleti. Aspettiamo fiduciosi novità in tal senso, con la consapevolezza che Giovanni è e sarà il volto giusto per rappresentare la maglia Bianca AIDO.

DavePeriodista

Davide Bagnoli è un giornalista iscritto all’albo dell’Emilia Romagna. Nella sua carriera si è occupato di cronaca di ogni genere, ha sempre cercato di farlo con passione e con il sorriso sulle labbra. Quando possibile cerca di trasmettere il suo sorriso anche ai lettori, ama scrivere e questo lo ha portato a pubblicare due libri. La sua più grande passione sportiva è il ciclismo, sport che ama e pratica nel (poco) tempo libero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Gazzetta del Ciclismo partecipa al programma associati di Amazon Services LLC e di altri store. Potrebbe ricevere una commissione sugli acquisti effettuati tramite i link presenti sul sito.