I voti dell’avvocato: pagellone finale del Giro 2024

POGACAR 10 E LODE CON BACIO ACCADEMICO

Ha dominato in lungo e in largo. Dal primo all’ultimo giorno, solo lui, con sei tappe, di cui cinque in maglia rosa come Merckx. Alla faccia di quelli che “viene al Giro, vince col compitino e pensa già al Tour”. Altrochè. Ha onoroato la corsa rosa come solo i fuoriclasse. Gli altri, gente con vittore al Tour, podi e vittorie qua e là, che sembravano lumachine dal passo felpato in confronto al Re. Basterebbe solo questo. Ma i gesti sulla tappa del Monte Grappa (voto al percorso della ventesima tappa: 10), col pollice in ringraziamento per il lavoro di Bjerg, il saluto ai tifosi sloveni e, non ultimo, la borraccia passata con nonchalance al bambino che gli correva affianco. Semplicemente, Tadej. Ho sempre pensato che il più grande di tutti sia stato Gino Bartali da Ponte a Ema. Il Re di Komenda sta iniziando a farmi cambiare idea…Tadej, mi raccomando, non far passare altri cinque anni.

THOMAS 9

Terzo posto, sembra poco, ma fatelo voi a 38 anni suonati col Re contro. Classe, potenza, eleganza, sportività, esperienza. Campione con la C, signore, Mister G.

MARTINEZ 9

Che il colombiano fosse forte lo si era capito. Tanti piazzamenti al servizio dei propri capitani che, alla prima utile da capitano designato, imbrocca subito un podio da paura. E adesso? Fra i capitani della Bora, con Primoz e Jay o subito riportato al suo posto, come gregario di stra-stra-stra lusso? Ai capoccia della formazione tedesca l’ardua sentenza

Bestseller n. 1
Roscyker 2023 Pro Team UAE Maglia da ciclismo da uomo Completo, maglia da bicicletta traspirante per mountain bike, pantaloncini con bretelle kits GEL Paddad (XL)
  • 【CONSIGLI PER LE TAGLIE】 Questa è la dimensione asiatica; vedere le taglie per le taglie consigliate in base a peso/altezza/petto ✅ Se preferisci la vestibilità ampia, ti consigliamo di ordinare una taglia in più.
  • Tejidos de malla de ciclismo profesional de la camiseta para que te sientas cómodo mientras andas en bicicleta, transpirable y de secado rápido, mantiene alejado el sudor y te permite sentirte bien incluso en viajes de larga distancia
  • Diseño de corte anatómico 3D; tecnología de impresión por sublimación de color brillante. Adecuado para jersey de bicicleta de montaña,, jersey de ciclismo cuesta abajo, camisetas de bicicleta MTB
  • Cremallera frontal completa, fácil de usar y quitar. Perfecto para ciclismo, equitación, carreras o camping, deportes al aire libre.
  • Tira antideslizante de silicona en la parte inferior para evitar que se deslice hacia arriba, diseño de corte anatómico 3D, tecnología de impresión por sublimación de color brillante.
Bestseller n. 2
HOMTOL Abbigliamento Ciclismo Set Manica Corta Tuta Ciclismo Uomo Completo Ciclismo Estivo Per Bici Da MTB Con Pantaloncini Imbottiti in Gel Traspirante e Ad Asciugatura Rapida
  • 【MATERIALE】: questo set è realizzato in fibra di poliestere al 100%, morbido ed elastico, non facilmente deformabile e molto traspirante, ottimo per l'assorbimento del sudore. Il tessuto altamente elastico permette al corpo di allungarsi liberamente.
  • 【CARATTERISTICA】: maniche corte da ciclismo, la parte superiore è realizzata in tessuto sportivo a rete piccola, le ascelle sono cucite con una grande rete olandese e i pantaloni sono realizzati in tessuto sportivo Lycra ad alta elasticità, che ha una forte traspirabilità e traspirabilità per mantenerlo liscio e asciutto. Assorbimento del sudore, protezione UV, morbido, traspirante, ultraleggero, elastico, idrofilo.
  • 【Cuscinetto protettivo 3D spesso】 Il design interno include un cuscinetto in gel e uno spesso cuscinetto in schiuma 3D, che si adattano ai fianchi senza scivolare e proteggono le ossa dell'anca da danni.
  • 【CLASSICO 3 TASCHE E Orlo ANTISCIVOLO】 3 tasche posteriori elastiche possono aiutarti a riporre telefoni cellulari, chiavi, portafogli, occhiali da sole, occhiali, fischietto, piccola torcia e altri attrezzi da equitazione. Lo speciale bordo elastico in gomma epossidica impedisce ai pantaloni di salire e scendere durante l'allenamento faticoso. Le maglie da ciclismo estive hanno segni riflettenti, che tu vada in bicicletta al mattino o alla sera, puoi migliorare il fattore sicurezza.
  • 【Scenari applicabili】: sia uomini che donne possono indossarlo, ampiamente utilizzato per bicicletta, mountain bike, escursioni a breve e lunga distanza, guida notturna, terreno leggero, corse a breve distanza, ecc. In caso di problemi con i nostri prodotti, ti preghiamo di contattarci prima di restituire o valutare, ti forniremo una soluzione soddisfatta.
Bestseller n. 3
Petorenk Uomo Abbigliamento Ciclismo Set Professionale Abbigliamento Completo Ciclismo Uomo Estivo per Bici da MTB con Pantaloncini Imbottiti in 9D Gel PAD Traspirante e Rapido Asciugatura (M, Blu)
  • 🚴【Design Estivo】: Il set di abbigliamento ciclismo uomo estivo Petorenk ti offre comfort e stile durante le tue avventure in bicicletta durante le calde giornate estive.
  • 🚴【Tessuto Traspirante】: Realizzato in tessuto traspirante di alta qualità, il body da ciclismo offre una perfetta ventilazione per mantenere la pelle fresca e asciutta durante gli allenamenti intensi.
  • 🚴【Vestibilità Perfetta】: Il body da ciclismo uomo Petorenk è progettato per adattarsi perfettamente al tuo corpo, offrendo la massima libertà di movimento e evitando fastidiosi sfregamenti.
  • 🚴【Tasche Pratiche】: Dotato di tasche posteriori, il body da ciclismo offre spazio sufficiente per riporre gli oggetti personali come chiavi, smartphone o barrette energetiche.
  • 🚴【Cerniera Frontale】: La cerniera frontale rende facile indossare e togliere il body da ciclismo, offrendo anche una maggiore regolazione della ventilazione durante la guida.

ALAPHILIPPE 9,5

Ecco un altro che sa cosa voglia dire onorare una corsa. Mille attacchi, combattivo non sa manco lui quante volte, vincitore di una tappa con una strepitosa lectio magistralis lunga 140 Km. di fuga. Si deve aggiungere altro? Perchè no: merci Julian.

O’CONNOR 5

Fra il voto per il quarto posto più anonimo della storia (7) e le pessime dichiarazioni della tappa dello Stelvio (3), al netto delle eventuali ragioni di merito, la media è quella.

PLAPP 4

Vedi O’Connor, con la differenza che almeno il connazionale ha centrato una top-ten.

BARDET 5,5

Di solito gli mancava sempre un centesimo per fare una lira. A questo Giro, si è visto che i centesimi mancanti erano più di uno. Eterno piazzato. Romain, ami il Giro, e questo ti fa onore, ma per il resto, ti si è visto poco. Troppo poco.

TIBERI 8

Il ciociaro c’è. Tempo al tempo. Che noialtri del ciclismo tricolore si stia uscendo finalmente dalle secche post nibaliane? Forse si, a patto di non dirglielo. Antonio, tappati le orecchie e trotta in allenamento che poi in gara ti vogliamo vedere al galoppo.

JUAN PEDRO LOPEZ 2

Dopo la vittoria al Giro del Trentino (ops, al Tour of the Alps…), ci si aspettava ben altro. Desaparecido.

QUINTANA 5,5

Un anno di assenza non si regala, specie se nel frattempo i bimbi-fenomeno crescono sempre più. Non che ci si aspettasse chissà che, ma terminare ad un’ora per uno che ha nel proprio palmares un Giro ed una Vuelta, è un po’ troppo.

RUBIO 7,5

Il colombiano cresce anno dopo anno, centrando una top-ten di assoluto prestigio. A quando il prossimo step?

PELLIZZARI 7

Vent’anni, il bimbo del Giro è lui. Si prende il lusso di stare un paio di volte fianco a fianco con Sua Maestà. Mai piazzamento in classifica generale fu più fasullo. Questo ha stoffa, questo ha motore, questo ha classe. Era la mia sorpresa del Giro 2024, non mi sono sbagliato. Giulio, non mollare, che ora viene il bello.

FOSS 3

La Ineos fa un Giro d’avanguardia. Il nordico è l’unico che i manager del team inglese stanno ancora cercando a Venaria Reale. Mai partito.

AURELIEN PARET PEINTRE 4

Dopo la vittoria dello scorso anno, ci si attendeva un bis di tappa. Mai sul pezzo. Mai in lotta. Bocciato.

VALENTIN PARET PEINTRE 7

A far gli onori di casa e famiglia ci pensa lui. Alla fine un Paret – Peintre che vince c’è sempre.

NARVAEZ 8

A ben vedere è l’unico che ha battuto il Re in una tappa. Mica poco.

STEINHAUSER 8

Il Passo Brocon per farsi consocere, tante altre iniziative per farsi confermare. Vedi Pellizzari. Sarà felice zio Jan.

GANNA 8

Filippo il verbanese fa il suo, vince una crono e molto di più. Si conferma un corridore di primo livello. Parigi 2024 attende. E noi pure.

EWAN 3

C’era?

CALMEJANE 3

La tappa che gli mancava per completare la trilogia dei grandi giri non è arrivata. La mia delusione per non averlo mai visto invece è arrivata bella puntuale.

GAVIRIA 3

Buon compagno di banco di Caleb Ewan. Fossimo a scuola, un’estate a recuperare i debiti scolastici.

STORER 7,5

Corre per una professional, fa un piazzamento da world-tour. Niente male.

 

BENJAMIN THOMAS 7,5

Il francese dal cuore italiano vince una tappa, soffre, lotta e poi è costretto all’abbandono. Nonostante il ritiro, promosso alla classe successiva.

MILAN 8,5

La Maglia ciclamino è roba sua. Adesso però, Jonathan, cambia colore. Ti vorrei vedere in verde…

MERLIER 8

Fa il suo. Con la ciliegina finale della vittoria all’ombra del Colosseo. E mica è poco.

LUND ANDRESEN 3,5

Gli sprint al Giro di Turchia sono una cosa. Quelli al Giro d’Italia un’altra.

HIRT 7,5

Se per Milan dal Friuli c’è un abbonamento col ciclamino, per lo scalatore della Soudal, c’è un abbonamento in top-ten.

 

ZANA E FORTUNATO 6,5

Un buon piazzamento in classifica generale per capire che la prossima volta sarà meglio cercare la vittoria di tappa.

POZZOVIVO 7

Termina il diciottesimo Giro a quarant’anni. Sufficit.

 

PELAYO SANCHEZ 7,5

Gamba fotonica. Carattere di ferro. Resistenza d’acciaio.

 

EWEN COSTIOU 6

Direte: e questo che c’entra? Rispondo: ne riparliamo.

 

PIGANZOLI 7

Vedi Pellizzari. Lui e Giulio le nostre speranze…de l’Avenir

LIPOWITZ s.v.

Si ritira presto, ma il teutonico è forte. Sono propnto a scommettere una pizza

GROUPAMA FDJ 0

Dopo aver perso il mio Thibaut, si presentano con una squadra che insulta il Giro d’Italia. Da espellere.

 

ISRAEL PREMIER TECH 2 (ai risultati) 10 (alla sfortuna)

Terminano in tre. Aggiungo altro?

UAE TEAM EMIRATES 8

Dopo l’incubo della prima tappa (e tutti a recitare il de profundis: Tadej non ha squadra, Tadej qua, Tadej là) concludono in parata. In fondo se il Re vince lo deve un po’ anche a loro.

L’ORGANIZZAZIONE DEL GIRO 5,5

Un bel percorso, ben disegnato (ma soprattutto baciato dalla fortuna di vittorie sempre combattute). Ma quando capiranno che a maggio non si può salire sopra i 2.500? Basta, vi prego. E almeno, se tanto vi piacciono Stelvio, Gavia ed Agnello, almeno pensate, da subito, ad un piano B e mettelo, da subito, nel Garibaldi. Così, giusto per evitare, da subito, figuracce dell’ultim’ora.

 

TELECRONISTI RAI 5

“Chiariamo subito: il rispetto per i professionisti che lavorano lo si deve sempre riconoscere, guai a scadere nella maleducazione e nella inutile polemica. Però, fatta questa doverosa premessa, ho avuto la sventura di seguire solo due tappe del Giro alla Rai: una quella dolomitica finale. Ad uno spettatore, meglio se cicloamatore come me, durante la scalata del Giau o del Valparola, interessa che si parli di evoluzione della corsa e non di funghi, funghetti, tartufi, principesse e favolette. Tutto molto interessante ma forse andrebbe collocato in un altro contesto. Ai vertici RAI: guardate la concorrenza (a buon intenditor…)”. Questo scrivevo l’anno scorso; questo confermo quest’anno. La professionalità di tutti gli intervenuti non si discute ma, se devo scegliere, una gara di ciclismo la guardo altrove. Peggio solo il Processo alla Tappa (2) che più che un processo sembra un sonnifero. Salvate Pancani (7).

IL PUBBLICO DEL MONTE GRAPPA 10 E LODE

Tolti i soliti mentecatti da fumogeno, una roba mai vista. Da far impallidire pure i mascalzoni dell’Alpe d’Huez. Preghiera: rifate questa tappa anche il prossimo anno, così com’è. Non un metro di più, non uno di meno.

GLI SPETTATORI CHE DANNO PACCHE AI CORRIDORI 0

Per cortesia, andate altrove.

DavePeriodista

Davide Bagnoli è un giornalista iscritto all’albo dell’Emilia Romagna. Nella sua carriera si è occupato di cronaca di ogni genere, ha sempre cercato di farlo con passione e con il sorriso sulle labbra. Quando possibile cerca di trasmettere il suo sorriso anche ai lettori, ama scrivere e questo lo ha portato a pubblicare due libri. La sua più grande passione sportiva è il ciclismo, sport che ama e pratica nel tempo libero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *