Preparare Granfondo

Sulle riviste specializzate e nei siti online dedicati al ciclismo si possono trovare centinaia di tabelle su come preparare una Granfondo. Probabilmente sono tutti ottimi spunti per stabilire un’approccio a una gara amatoriale che rappresenta la sfida per antonomasia di chi pratica ciclismo. Il problema è che spesso quelle tabelle si riferiscono a chi è già allenato e ha molto tempo da dedicare alla bicicletta, inoltre si tratta di dati impersonali, di meri numeri che non tengono conto del fatto che chi pedala è un essere umano che deve incastrare la sua passione per il ciclismo nei mille impegni da affrontare quotidianamente.

Quello che vogliamo fare noi di Gazzetta del Ciclismo è un’operazione diversa. Proponiamo ai nostri lettori un percorso di preparazione che verrà, passo dopo passo, realizzato da chi ne scrive. È una sfida: dimostrare che è possibile preparare una Granfondo da zero in poco tempo.

Innanzitutto mi presento

Sono Francesco, ho cominciato a praticare ciclismo ormai quasi vent’anni fa. Una passione dirompente che molte volte mi ha portato a dimenticare il resto. Poi però le responsabilità e gli impegni della vita mi hanno costretto a mollare. È stato uno stillicidio. Ho cominciato nel rinunciare alle gare, poi a qualche uscita della domenica e infine mi sono reso conto di non allenarmi ormai da due anni. Ovviamente l’abbandono della bicicletta mi ha regalato molti kg in più del dovuto e un fiatone nel salire le scale che non avevo mai avuto. Da qui nasce questa sfida. Non un semplice ritorno agli allenamenti, mi sono reso conto infatti che per dare il meglio di noi abbiamo bisogno di un obiettivo, difficile ma non irraggiungibile. Nel mio caso sarà quello di partecipare alla Granfondo Terun che è la gara più vicina a casa mia e che si terrà tra sole 15 settimane.

L’importante è partecipare alla Granfondo

Ovviamente la preparazione che andrò ad effettuare spero mi consenta di partecipare alla Granfondo, non posso certo avere l’ambizione di vincerla. Questo deve essere chiaro: preparare una Granfondo da zero in poco tempo partendo da una condizione di forma pessima per vincere è impossibile, farlo per finirla può essere fattibile sebbene difficile. Proprio per questo la preparazione che vi proporrò, partendo da un chilometraggio adatto anche a chi non ha mai praticato ciclismo, tenderà ad aumentare la lunghezza degli allenamenti in modo da arrivare all’appuntamento con le gambe pronte ad affrontare i 125 km della Granfondo.

Lo schema da utilizzare per preparare una Granfondo

Nel ciclismo esiste la legge dei tre-tre. Secondo molti, infatti, per migliorare in questo sport bisogna fare almeno tre allenamenti alla settimana pedalando per almeno tre ore totali e non far passare più di tre giorni da un allenamento all’altro. Nella pratica di questo sport ho avuto modo di apprezzare questo principio, ma, per preparare una Granfondo da zero in poco tempo, so che non basteranno tre allenamenti settimanali. La mia attività lavorativa, però, non mi consente di pedalare tutti i giorni, dunque ho deciso di ritagliarmi quattro brevi pedalate settimanali che diventeranno via via più impegnative. Lo schema da seguire sarà questo: la prima, la seconda e la quarta uscita saranno corte, mentre la terza sarà lunga.

Granfondo
Granfondo

Il principio da seguire per preparare una Granfondo

Per preparare la Granfondo al meglio aumenterò il chilometraggio dell’allenamento ogni settimana. Le prime sei settimane saranno di adattamento e pedalerò esclusivamente in pianura. Dalla settima settimana la seconda uscita settimanale sarà dedicata prevalentemente alle salite e nella terza uscita settimanale affronterò un percorso collinare. Questo perché la Granfondo che mi sono posto come obiettivo presenta varie salite e per esperienza so che non basta avere una gran quantità di chilometri nelle gambe per riuscire ad affrontare le ascese, ma va fatta una preparazione specifica. Ovviamente ci risentiremo ogni settimana con il racconto e i consigli per l’allenamento.

 

Primo mese

Settimana Prima uscita Seconda uscita Terza uscita Quarta uscita Km totali
1 15 KM 15 KM 15 KM 15 KM 60
2 15 KM 15 KM 20 KM 15 KM 65
3 15 KM 20 KM 20 KM 15 KM 70
4 15 KM 20 KM 25 KM 15 KM 75

 

Di Francesco Papa

La passione per il ciclismo di Francesco scattò invece nel 1993 quando vide Argentin in rosa al Giro d’Italia passare di fronte a casa sua. Da allora scrittura e pedali sono andati di pari passo, ogni tanto la bicicletta scattava ma poi veniva raggiunta dalla scrittura e viceversa. Ora sono entrambe qui, pronte a giocarsela in volata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Show Buttons
Hide Buttons
Questo sito non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001. Gazzetta del Ciclismo è un membro del Programma di affiliazione Amazon UE, un programma pubblicitario di affiliazione pensato per fornire ai siti un metodo per ottenere commissioni pubblicitarie mediante la creazione di pubblicità e link a Gazzetta del Ciclismo.