Gruppi-Shimano-Classifica

I gruppi Shimano sono messi a punto dal leggendario produttore giapponese. Uno dei due più celebri e diffusi costruttori di gruppi per bici da corsa. La scelta del gruppo è una delle tematiche che appassiona di più i ciclisti, in quanto va ad influire sul rendimento della bici da corsa e sul suo peso. Per prima cosa cerchiamo quindi di rispondere ad una domanda importantissima: il gruppo è così fondamentale? la risposta dipende dalla vostra bici e dalle vostre intenzioni:

  • Se volete competere per dei buoni piazzamenti o per vincere delle gare e avete delle bici già ben accessoriate, allora la risposta è sì. Vi servirà un gruppo eccellente.
  • Se invece volete divertirvi con la vostra bici, facendo delle belle salite ma senza dover contare i secondi, allora potreste accontentarvi di un buon gruppo.
  • Per ospitare un buon gruppo serve sempre una bici adatta. E’ infatti totalmente inutile montare un gruppo top su una bici che magari si presenta con un manubrio o delle ruote molto pesanti. Sarebbe allora molto meglio andare ad intervenire su questi aspetti.

Vediamo allora le soluzioni più celebri offerte dal grande gruppo Shimano.

Shimano Claris

Si tratta di un primo gruppo, montato su bici economiche di primissimo prezzo. Lo Shimano Claris è comunque un gruppo ben fatto e affidabile, come sempre quando si parla di shimano. Pur essendo economico risulta molto duraturo nel tempo, solitamente molto di più di quanto i ciclisti decidano di utilizzarlo. D’altronde si sa che “l’appetito vien pedalando” e molti dopo una bici base decidono di provare un modello un po’ più “evoluto”.

Solitamente viene proposto con guarnitura anteriore tripla, molto utile per gli amanti delle salite che non siano molto allenati, o con guarnitura doppia. Dietro invece la guarnitura è a 8 o 9 velocità e i comandi integrati sono gli Shimano STI.

Shimano Sora

Il gruppo Sora negli ultimi due anni viene montato molto meno rispetto al passato. Si tratta di un gruppo pensato principalmente per le bici in alluminio. Va detto che è migliore rispetto al Claris, perché il Sora utilizza tecnologie messe a punto per gruppi di categoria superiore ma dispone di un peso maggiore. Può essere quindi un gruppo perfetto appunto per le bici da corsa in alluminio, che non hanno particolari velleità di peso e per le bici da cicloturismo.

Anche in questo caso viene proposto con la tripla o la doppia anteriore e 8 o 9 velocità al posteriore con comandi integrati Shimano STI. Sicuramente una scelta ottima per chi vuole iniziare a praticare questo sport. Affidabile ed economico ma con una tecnologia migliore rispetto al precedente.

Shimano Tiagra

Il gruppo Shimano Tiagra inaugura, per così dire la categoria dei gruppi di fascia intermedia. Solitamente viene istallato su bici che hanno un prezzo che si aggira attorno ai mille euro. Si presenta posteriormente con 8, 9 o 10 velocità. Molto utilizzato anche dagli amanti del cicloturismo, il Tiagra è in grado di figurare molto bene. Può offrire le stesse prestazioni di un gruppo di alta gamma, se regolato bene. Ovviamente però il peso è maggiore rispetto ad un top di gamma. Tuttavia è un gruppo particolarmente apprezzato, in quanto ha un ottimo rapporto qualità prezzo.

Shimano 105

Forse il gruppo più amato e utilizzato. Si tratta del primo gruppo pensato per chi desidera poter competere ed offre un punto di incontro tra leggerezza, resistenza e costo di acquisto. Il gruppo 105 non viene considerato un gruppo che può essere montato su bici di fascia troppo bassa, perché già pensato per offrire una certa performance. Viene montato sia su bici in alluminio che su bici in carbonio e presenta 10 o 11 velocità posteriormente.

Il gruppo Shimano 105 è amatissimo da una vastissima gamma di ciclisti amatoriali. Si tratta di un gruppo che permette di divertire e di competere a tutti coloro che non dispongono di bici che costano svariate migliaia di euro. Non sono poi rari i casi di ciclisti che decidono di partecipare a gare con questo gruppo, troppe volte sottovalutato.

Shimano Ultegra

Il gruppo Ultegra inaugura la sezione dell’alta gamma. Si presenta con molte innovazioni tecnologiche di altissimo pregio. Sicuramente è un gruppo molto amato e apprezzato, perché rispetto ai precedenti ha una qualità maggiore che si riflette in una “cambiata” migliore e più agile. Le sue lavorazioni meccaniche sono di alta qualità e lo spostamento della catena è davvero fluido. Molto curata anche la sua estetica davvero bella e particolarmente amata da tanti ciclisti. Viene proposto con un doppia corona anteriore e un posteriore con 11 o 12 velocità.

Va precisato che il gruppo Shimano Ultegra è più blasonato del 105 ma la differenza di prezzo tra i due non è enorme. Sicuramente l’Ultegra, che negli anni è stato anche migliorato con alcune varianti, e maggiormente curato. Lo spostamento da un pignone all’altro è molto fluido. Il Gruppo Ultegra è disponibile anche nella variante elettronica denominata Ultegra Di2. Molto probabilmente il gruppo Ultegra è leggermente avanti al 105 e può rappresentare un leggero upgrade rispetto al precedente.

Shimano Dura Ace

E’ forse in assoluto il gruppo più amato e celebrato dai ciclisti. Lo Shimano Dura Ace è un vero e proprio riferimento, sia per professionisti che per cicloamatori che vogliono osare un po’ di più. Viene costruito con una pregiatissima lega tra alluminio e rame e consente di unire una tecnologia altissima alla leggerezza. Dal 1978 è stato lanciato sul mercato, subendo poi numerose trasformazioni ma imponendosi anche tra i ciclisti professionisti.

A segnare il grande successo di questo rapporto, oltre alla sua leggerezza, sono la facilità di cambiata, la resistenza e la minimizzazione della dispersione di energia di trasmissione. Insomma è sicuramente un rapporto top pensato per chi è disposto a spendere per avere un rendimento altissimo dal proprio gruppo.

Shimano Dura Ace Di2

Si tratta della variante elettronica del Dura Ace, destinato ai professionisti e a chi vuole una bici elettronica. Shimano ha precisato che questa variante ha una velocità di cambiata ancora più elevata dell’omonimo a cavo. La precisione di trasmissione è altissima, in quanto la catena non si sposta tra un pignone e l’altro. Questo porta la bici ad avere una grandissima reattività. Si tratta però di una variante con batteria che deve essere sempre mantenuta carica e controllata costantemente.

A prescindere dal gruppo montato è sempre importantissimo mantenere in buona stato la manutenzione e avere cura della bici preparandola prima delle uscite.

Di DavePeriodista

Davide Bagnoli è un giornalista iscritto all’albo dell’Emilia Romagna. Nella sua carriera si è occupato di cronaca di ogni genere, ha sempre cercato di farlo con passione e con il sorriso sulle labbra. Quando possibile cerca di trasmettere il suo sorriso anche ai lettori, ama scrivere e questo lo ha portato a pubblicare due libri. La sua più grande passione sportiva è il ciclismo, sport che ama e pratica nel (poco) tempo libero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Show Buttons
Hide Buttons
Questo sito non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001. Gazzetta del Ciclismo è un membro del Programma di affiliazione Amazon UE, un programma pubblicitario di affiliazione pensato per fornire ai siti un metodo per ottenere commissioni pubblicitarie mediante la creazione di pubblicità e link a Gazzetta del Ciclismo.