Bici-Corsa-Borraccia

La borraccia è un accessorio da sempre legato alla storia del ciclismo, il perché è ovvio dato che in bici è assolutamente fondamentale bere. Gli esperti sono tutti concordi nel fatto che sia necessario farlo in modo costante e prima di sentire lo stimolo della sete. Ecco allora che la borraccia diventa un alleato indispensabile, non è sempre facile però sceglierne una realmente adatta.

Una buona borraccia dovrebbe essere in grado di non alterare le proprietà chimiche dei liquidi contenuti, non dovrebbe trasmettere odori o sapori e non dovrebbe essere dannosa per la salute. Molto spesso purtroppo le borracce contengono ftalati o bisfenoli che provengono dalla lavorazione del policarbonato o sono utilizzati per rendere più morbida la plastica. Ma allora come scegliamo la nostra borraccia? Ecco perché non si tratta di una scelta immediata e da fare in modo “casuale”.

Scelta della migliore borraccia

La borraccia utilizzata per il ciclismo su strada dovrebbe logicamente essere molto facile da utilizzare, attraverso l’apposito beccuccio estraibile con i denti. Al contrario invece la borraccia usata per le MTB, pur utilizzando lo stesso comodissimo sistema, presenta un “cappello” di protezione. Anche in questo caso risulta molto facile da aprire ed utilizzare. Vediamo allora un elenco di buone borracce:

Una soluzione come questa qua sotto è buona per chi è disposto a cambiare periodicamente la propria borraccia, almeno due volte l’anno. Questo perché pur essendo borracce molto comode da utilizzare, tendono a prendere facilmente il sapore dei liquidi. Accade molto spesso, come confermato dalla recensioni, che in presenza di integratori, il sapore permanga anche quando questa conterrà soltanto acqua. La spesa è comunque modesta per cui può essere una buona soluzione per qualche mese.

Questo modello offre una resistenza alle temperature leggermente migliore, permettendo di avere acqua fresca un po’ più a lungo anche nelle uscite estive. In questo caso la qualità sembra migliore, per cui può essere una borraccia in grado di durare un po’ più a lungo.

Abbiamo potuto testare questa celebre borraccia, tra le più vendute in assoluto. Buona resa per un periodo di circa sei mesi, presenza però di leggeri odori derivanti da integratori. Buon compromesso qualità/prezzo.

Una proposta ottima per chi utilizza bici MTB o Gravel, ampiamente confermata dalle recensioni. Acquistabile senza particolari dubbi.

Noi al momento sceglieremmo questa, in quanto presenta una struttura a doppia parete che dovrebbe mantenere la temperatura più a lungo. E’ priva di materiali dannosi e può essere lavata in lavastoviglie.

Come saprete esistono anche delle borracce in alluminio e acciaio, molto usate per il trekking. Sono sicuramente molto più comode dal punto di vista del lavaggio e del mantenimento dei liquidi. Purtroppo però non è facile trovare una simile borraccia che si adatti bene al porta-borraccia di una bici da corsa. Molto spesso, essendo queste borracce, rigide, risultano difficili da tenere bloccate e tendono a “ballare” facendo rumore o peggio ancora a cadere. Per questo motivo non le consigliamo.

L’importanza della manutenzione

Qualsiasi borraccia dovrebbe comunque essere tenuta bene, per funzionare nel modo desiderato. E’ molto importante non lasciarla sulla bici con del liquido restante al termine di un’uscita. Vediamo alcuni pratici ma fondamentali consigli:

  • dopo l’acquisto lavatela con sapone per i piatti prima dell’utilizzo e lasciatela asciugare bene per almeno 10 ore;
  • ad ogni uscita risciacquate la borraccia e lasciatela asciugare;
  • risciacquatela con acqua calda prima di ogni utilizzo;
  • riponetela in un luogo asciutto, con il tappo svitato, se non la usate per periodi lunghi;
  • ogni 3 mesi lavatela in lavastoviglie.

In questo modo la vostra borraccia durerà un po’ più a lungo e soprattutto sarà più sana. Sarà anche più facile contrastare la creazione delle strane “muffe” di colore nero che tendono a crearsi sul fondo della borraccia. Sono ininfluenti dal punto di vista chimico ma non certo piacevoli alla vista. Speriamo di avervi aiutato a trovare la migliore borraccia per voi.

Di DavePeriodista

Davide Bagnoli è un giornalista iscritto all’albo dell’Emilia Romagna. Nella sua carriera si è occupato di cronaca di ogni genere, ha sempre cercato di farlo con passione e con il sorriso sulle labbra. Quando possibile cerca di trasmettere il suo sorriso anche ai lettori, ama scrivere e questo lo ha portato a pubblicare due libri. La sua più grande passione sportiva è il ciclismo, sport che ama e pratica nel (poco) tempo libero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Show Buttons
Hide Buttons
Questo sito non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001. Gazzetta del Ciclismo è un membro del Programma di affiliazione Amazon UE, un programma pubblicitario di affiliazione pensato per fornire ai siti un metodo per ottenere commissioni pubblicitarie mediante la creazione di pubblicità e link a Gazzetta del Ciclismo.