Può capitare molto più spesso di quanto si possa pensare che un ciclista macini chilometri con la propria bici, pensando di dimagrire ma senza perdere peso. Non riuscire a dimagrire nonostante i tantissimi km percorsi è una condizione frequente, in quanto purtroppo il bilancio energetico tra ciò che spendiamo in termini di calorie e ciò che etra con l’apporto nutrizionale deve essere ovviamente a favore del primo parametro. Ovvero, per dirla in modo un po’ semplicistico, dobbiamo consumare più calorie di quante realmente ne assimiliamo e questo non è sempre facile.

Questo è un primo parametro teorico ma molto importante, per stare attenti all’alimentazione. Al mattino ad esempio potremmo mangiare leggermente di più, avendo tutta la giornata davanti ma alla sera è fondamentale restare leggeri. Molto importante è anche capire come è distribuito il nostro peso tra massa magra, massa grassa e liquidi. Quest’ultimi possono più facilmente essere espulsi dal nostro corpo, intervenendo con l’esercizio fisico, o con prodotti appositi.

Oltre all’esercizio fisico sarà molto importante valutare anche la nostra dieta, intesa come regime nutrizionale. Questo aspetto influirà ovviamente anche sul parametro delle calorie, a nostro parere un po’ antiquato e sotto questo aspetto consigliamo questo libro, di un conosciutissimo medico di fama mondiale che potrà risultare molto utile per rivoluzionare il concetto delle calorie introdotte nel nostro corpo.

Dimagrire in sella

Una volta stabilito il regime alimentare da mantenere, è importante concentrarsi sull’allenamento. Questo può essere fatto con allenamenti appositi e soprattutto improntati sull’attività aerobica. Ovvero sarebbe ottimale trascorrere più tempo possibile in bicicletta, o facendo qualsiasi esercizio fisico. L’allenamento deve essere sempre di durata superiore a 40 minuti, in modo da innescare la lipolisi, ovvero permetterà al nostro organismo di attingere energia dai grassi e non più dagli zuccheri.

Mangiare prima, dopo e anche durante nel caso di uscite lunghe nel tempo, permetterà di evitare il terribile e insaziabile stimolo della fame che può portare a grandi abbuffate. Se invece ci siamo nutriti in modo adeguato, anche dopo l’allenamento non avremo uno stimolo di fame eccessivo. Infine è poi importante dare al nostro allenamento stimoli nuovi, ovvero cercare di impegnarsi in tabelle di allenamento o percorsi nuovi.

Un altro aspetto da non sottovalutare, lo assicurano gli esperti, è quello del sonno. Riposare la giusta quantità di ore è importantissimo anche per dimagrire. Recuperare dalle fatiche permette infatti di avere un livello di cortisolo basso, che favorisce la perdita di peso. Infine non dimentichiamoci mai dell’importanza di fare ricorso, ogni settimana, al metodo dell’Interval training che è particolarmente utile per ridurre il grasso in eccesso sull’addome.

Quindi perché faccio tanti km ma non dimagrisco?

Non esiste una risposta unica, le possibilità sono varie. Potrebbe essere a causa della mia alimentazione che introduce troppe calorie. Potrebbe anche dipendere dall’effetto che ciò che mangio produce sul mio organismo e per questo vi rimandiamo di nuovo a questo libro molto utile e interessante. Il problema potrebbe essere anche nell’allenamento, ovvero nella mancanza di un ritmo elevato che ci faccia salire le pulsazioni, se la nostra condizione fisica ce lo consente. Forse il cibo potrebbe essere anche soltanto ripartito male nel corso della giornata. Infine in alcuni casi, più rari, il problema potrebbe anche risiedere nella mancanza di adeguato riposo. Analizzate il vostro stile di alimentazione e di allenamento per individuare le possibili cause.

Di DavePeriodista

Davide Bagnoli è un giornalista iscritto all’albo dell’Emilia Romagna. Nella sua carriera si è occupato di cronaca di ogni genere, ha sempre cercato di farlo con passione e con il sorriso sulle labbra. Quando possibile cerca di trasmettere il suo sorriso anche ai lettori, ama scrivere e questo lo ha portato a pubblicare due libri. La sua più grande passione sportiva è il ciclismo, sport che ama e pratica nel (poco) tempo libero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Show Buttons
Hide Buttons
Questo sito non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001. Gazzetta del Ciclismo è un membro del Programma di affiliazione Amazon UE, un programma pubblicitario di affiliazione pensato per fornire ai siti un metodo per ottenere commissioni pubblicitarie mediante la creazione di pubblicità e link a Gazzetta del Ciclismo.