L'importanza di utilizzare un buon sensore di cadenza e alcuni ottimi modelli

L’utilizzo di un sensore di cadenza è molto importante per anche per i ciclisti amatoriali. Serve infatti per determinare questo parametro, espresso in rpm (rotazioni per minuto), ed è particolarmente utile durante le uscite in bici. Come avremo modo di vedere in seguito, pedalare in modo agile è fondamentale per chi vuol percorrere delle lunghe distanze, senza affaticare eccessivamente la propria gamba. Premettiamo che ogni ciclista ha la sua cadenza ideale e, per quanto possa sembrare banale dirlo, questo è anche un dato soggettivo. In generale però mantenere una cadenza superiore alle 70/75 rpm in salita e di circa 90 rpm in pianura è fortemente raccomandato dalla stragrande maggioranza dei preparatori atletici.

La cadenza è inoltre un parametro molto utile per svolgere nel miglior modo possibile i propri allenamenti. La tecnologia possiamo dire che ci ha ampiamente facilitato in questo, visto che oggi possiamo acquistare degli utilissimi misuratori di cadenza a costi molto contenuti. In passato invece questa operazione veniva svolta cronometro alla mano o con un approssimativo calcolo mentale. I sensori di cadenza vengono collegati ai ciclocomputer (ipotesi che preferiamo), agli appositi orologi o allo smartphone. In questo modo ci offrono una panoramica continua e “live” della nostra cadenza durante la pedalata. Grazie a questi piccoli strumenti possiamo quindi dosare al meglio le nostre energie e “mantenere” la nostra gamba durante le uscite. Vediamo allora quali possono essere le nostre alternative di acquisto.

Sensore di cadenza IGPSPORT C61

Questo è in assoluto uno dei più venduti e utilizzati, grazie al prezzo molto abbordabile. Le recensioni di questo prodotto sono davvero ottime e la buona impressione mi è stata personalmente confermata anche da un ciclista di mia conoscenza che lo ha appena acquistato. Sicuramente il suo punto di forza è la qualità prezzo. Questo sensore è compatibile con tutte le principali marche di ciclocomputer, come Garmin, Polar e Bryton, e con i vari smartphone. Il collegamento avviene tramite le modalità wireless, Bluetooth e ANT +.

Sensore di cadenza Garmin

Per chi ricerca sempre il top e preferisce restare sempre fedele alla linea Garmin, questo prodotto offre sicuramente la certezza di una resa ottimale. Costa leggermente di più rispetto al precedente ma anche in questo caso gli utilizzatori ne certificano il perfetto funzionamento. Pur essendo un Garmin può essere tranquillamente abbinato anche con altri ciclocomputer, orologi e smartwatch di altri marchi. Un grande pregio di questo prodotto è la qualità 5.0 del suo bluetooth, mentre gli altri utilizzano una 4.0.

Sensore di cadenza Polar 

Questo sensore di cadenza, dall’affidabilità certa, ha un costo decisamente più alto perché viene venduto insieme al sensore di velocità. Rappresenta quindi la scelta ideale per chi cerca un pacchetto completo, con molte funzioni interessanti. Se invece cercate un semplice sensore di cadenza noi consigliamo la prima opzione.

Sensore di cadenza Bryton

Questa scelta è ideale per chi ha un ciclocomputer Bryton, il cui utilizzo abbinato permette di avere una resa certa, precisa e ottimale. A differenza degli altri prodotti questo sensore è consigliato solo per chi ha la stessa marca anche negli altri dispositivi. Preciso e affidabile.

A prescindere dal marchio, il sensore di cadenza deve essere sempre montato all’interno della pedivella come visibile nell’immagine. Il montaggio è praticamente istantaneo e richiede solo pochi istanti a prescindere dal modello prescelto.

sensore-cadenza

Di DavePeriodista

Davide Bagnoli è un giornalista iscritto all’albo dell’Emilia Romagna. Nella sua carriera si è occupato di cronaca di ogni genere, ha sempre cercato di farlo con passione e con il sorriso sulle labbra. Quando possibile cerca di trasmettere il suo sorriso anche ai lettori, ama scrivere e questo lo ha portato a pubblicare due libri. La sua più grande passione sportiva è il ciclismo, sport che ama e pratica nel (poco) tempo libero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Gazzetta del Ciclismo partecipa al programma associati di Amazon Services LLC e di altri store. Potrebbe ricevere una commissione sugli acquisti effettuati tramite i link presenti sul sito.