Tour de France 2023: Carlos Rodriguez beffa Vingegaard e Pogacar

Doveva essere la tappa di Vingegaard e Pogacar, e lo è stata, eppure nessuno di loro due ha trionfato. La frazione è stata apannaggio del classse 2001 Carlos Rodriguez, che con questa vittoria si issa in 3° posizione nella Classifica Generale. La tappa è stata avvincente, piena di spunti su cui riflettere e di situazioni da analizzare.

Subito una maxi caduta a inizio tappa

Dopo pochi minuti dalla partenza della tappa subito il primo colpo di scena: una maxi caduta in gruppo costringe diversi uomini al ritiro, tra cui Romain Bardet e Louis Meintjes, rispettivamente 12° e 13° della generale stamattina. A causa di questo incidente la tappa ha uno stop e dopo più di mezz’ora si riparte come se non fosse successo nulla. Molti uomini cercano di entrare nella fuga di giornata, uno di questi è Giulio Ciccone che transita 1° sui primi due GPM di 1° categoria. In questo modo il corridore abruzzese guadagna 20 punti nella classifica dei GPM e si rilancia nella lotta alla Maglia a Pois. Purtroppo la Jumbo-Visma oggi vuole vincere la tappa, così la fuga non riesce ad avere più di 1’30” di vantaggio sul gruppo di Vingegaard e Pogacar.

OffertaBestseller n. 1
Garmin Edge 530, Ciclocomputer GPS, Cartografico, Display 2,6" a colori, Interfaccia a pulsanti, Navigazione, Allenamenti, ClimbPro, Strada & MTB, Autonomia 20 ore
  • NAVIGAZIONE ➡ Edge 530 dispone di mappa Garmin Cycle Map precaricata e ti guida a destinazione indicandoti le svolte direttamente sul display. Trova i percorsi più frequentati, calcola percorsi ad anello e, grazie alla funzione ClimbPro potrai misurare il tuo sforzo sulle salite e visualizzare quanto ancora dovrai soffrire.
  • PERFORMANCE ➡ Osserva come il tuo corpo risponde all'allenamento: monitora il tuo VO2max, il tempo di recupero, Training Load, Training Load Focus, Training Status e molto altro. Scopri anche come il tuo corpo si adatta al calore e alla quota e analizza tutte le tue uscite su Garmin Connect.
  • ALLENAMENTI e POTENZA ➡ Sincronizza i tuoi allenamenti da TrainingPeaks o scarica piani predefiniti da Garmin Connect, direttamente sul tuo Edge. Con un sensore di potenza Rally, inoltre, potrai sfruttare le metriche di ciclismo avanzate per avere informazioni più specifiche sulle tue prestazioni.
  • SICUREZZA ➡ Edge 530 è compatibile con i radar posteriori Garmin della serie Varia e, se associato al tuo smartphone, invia un SMS automaticamente in caso di incidente e ti permette di condividere la tua posizione in tempo reale tramite LiveTrack.
  • CICLOCOMPUTER SMART ➡ Troverai delle app già precaricate su Edge 530 come TrainingPeaks, TrailForks e Strava, ma potrai scaricarne molte altre dal Connect IQ Store, insieme a nuovi campi dati e widget.
Bestseller n. 2
Garmin Edge 530 — Computer da bicicletta GPS con display a colori da 2,6 «, mappa dell'Europa preinstallata per la navigazione e durata della batteria fino a 20 ore, figure MTB, nero (ricondizionato)
  • PERFETTAMENTE LEGGIBILE E UTILIZZABILE CON UN PULSANTE Il display a colori ad alta risoluzione da 2,6 pollici (6,6 cm) è facile da leggere anche alla luce del sole. Naviga tra le varie funzioni e menu con la semplice pressione di un pulsante. Dimensioni del dispositivo 50 x 82 x 20 mm (LxAxP)
  • DATI ALTAMENTE PRECISI Grazie ai sistemi satellitari GPS, GLONASS e Galileo integrati e a un altimetro barometrico, ottieni dati affidabili su velocità, distanza, navigazione e molto altro in ogni tour
  • CONTROLLO INDIVIDUALE DELL'ALLENAMENTO Con ANT+, puoi collegare cinghie toraciche HF, misuratori di potenza e altri sensori per controllare l'allenamento. The Edge ti indica il tuo livello di forma fisica, il carico di allenamento individuale e la concentrazione sul carico. Con raccomandazioni sui tempi di recupero
  • CLASSIFICA MEGLIO I DATI CHIAVE E LE SALITE DELLA MTB Analisi della grinta, del flusso e del salto: la nuova analisi in discesa MTB ti fornisce i dati per analizzare il tuo ultimo tour, inclusi salti e discese. La funzione ClimbPro ti mostra quanto tempo manca ancora alla salita e quanti metri di dislivello, compresa la salita, sono già stati completati o sono ancora davanti a te. Come suddividere meglio le salite
  • NOTIFICHE SMARTPHONE È Garmin Edge 530 tramite Bluetooth e tramite configurazione precedente tramite Garmin Connettiti abbinato al tuo smartphone, puoi vedere le chiamate in arrivo, i messaggi, le informazioni meteo, ecc. direttamente sul display del ciclocomputer

Sul Col de Joux Plane duello tra Vingegaard e Pogacar

La tappa è fin da subito corsa ad altissima velocità, ma vi è un ulteriore cambio di ritmo sul Col de la Ramaz: i fuggitivi vengono presto ripresi e il gruppo maglia gialla si riduce a 16 unità sotto l’azione della Jumbo-Visma. Da sottolineare il crollo verticale di Tom Pidcock: l’inglese va in crisi sul Ramaz e dice addio al sogno del podio finale. Tutti gli spettatori si preparano all’ennesimo duello fra i Calabroni e la UAE, rappresentati da Vingegaard e Pogacar, sul Col de Joux Plane. E infatti i due fuoriclasse non si smentiscono.

Per tutta la frazione sono stati i gialloneri ad avere le redini della situazione, sull’ultima ascesa però Majka cerca di alzare il ritmo, ma poco dopo viene rilevato da Van Aert che dà l’ultima trainata. A questo punto rimangono 7 nel gruppo di testa. Vingegaard e Pogacar, accompagnati rispettivamente da Kuss e Adam Yates, Rodriguez, Hindley e Gall. Da qui in avanti la situazione è caotica e succede di tutto. Kuss fa un forte ritmo per tanti minuti, Hindley e Gall perdono contatto, Pogacar chiede a Yates di alzare ulteriormente il ritmo, così rimangono in tre, con solo Vingegaard a tenere il passo dei bianconeri. Yates termina il lavoro, scatta Pogacar, sembra riuscire a staccare ancora una volta il rivale danese ma questo si riporta sullo sloveno.

Rodriguez beffa Pogacar e Vingegaard

Quando la maglia gialla ricuce lo svantaggio, avviene qualcosa che non si vedeva da qualche anno: una surplace. Pogacar sta aspettando infatti gli ultimi metri del Joux Plane per scollinare per primo, prendere gli 8″ d’abbuono e poi insistere sul falsopiano. Ma il piano di Pogi si infrange a causa delle moto dell’organizzaizione che lo bloccano, tanto che è addirittura Vingegaard a conquistare la vetta. Vingegaard e Pogacar rallentano, permettendo così a Rodriguez e ad Adam Yates di riacciuffarli, con lo spagnolo che tira dritto e trionfa. Il corridore della INEOS così vince la sua prima tappa in carriera al Tour e si rilancia nella lotta al podio, superando Hindley, 3° stamattina.

La tappa di oggi è stata avvincente, bellissima, piena di sorprese, con una fantastica cornice di pubblico, entusiasmando milioni di spettatori. Già domani, con l’arrivo sul Mont Blanque, potremmo assistere a una nuova lotta tra Vingegaard e Pogacar, ora divisi da soli 10″ nella Generale. Avvincente anche la lotta per il 3° posto, con Rodriguez a 4’43 da Vingegaard, Hindley a 4’44” e Adam Yates a 5’20”.

Cesare Fabrizi

Ha 27 anni, ha studiato all’Accademia d’arte di scrittura e storytelling e sogna di pubblicare un fumetto da lui sceneggiato. Si è innamorato del ciclismo durante la terza tappa del Giro d’Italia del 2004, vinta da Damiano Cunego. Quel giorno decise che da grande avrebbe fatto il ciclista, purtroppo non è andata così e si consola con il tennis. Da allora non si è perso un Giro d’Italia e un Tour de France, e questo spiega la sua predilezione per i cronoman e gli scalatori come Wiggins, Contador e Pogacar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *