Tour de France 2023: Colpo Hindley, Vingegaard vince il primo duello con Pogacar

Alla prima tappa di montagna del Tour vengono emessi subito i primi verdetti: Hindley sfrutta una fuga di 36 corridori e fa doppietta, tappa e maglia gialla, Vingegaard dà più di un minuto a Pogacar, tanti corridori che partivano con ambizioni di classifica, come Landa e O’Connor, pagano già dazio. Molto bene Giulio Ciccone, 2° al traguardo e ora 3° nella generale.

Tour de France: Fuga di 36 corridori, c’è Hindley

Subito, sin dai primi kilometri, molti uomini cercano di andare in fuga. Va via un gruppone di 36 corridori, tra cui Hindley, Van Aert, Alaphilippe, Gall e Ciccone. Il Gruppo arriva ad avere un vantaggio di più di 3′ sugli avversari, e qui è evidente un errore della squadra di Pogacar: non si può lasciare così tanto margine a un corridore come Hindley, già vincitore di un Giro d’Italia. Molto intelligente invece la strategia della Jumbo-Visma, che lascia lavorare la UAE e piazza in fuga Van Aert che poi saprà dare un contributo importante sull’ultima ascesa. Proprio il fuoriclasse belga è il ciclista più attivo nell’avvicinamento al Marie Blanque, ma avrà poi comunque energie per dare una mano a Vingegaard.

OffertaBestseller n. 1
Science in Sport BetaFuel Gel Energetico, Per Aumentare la Forza, Contiene 40gr di Carboidrati per Porzione, Gusto Fragola e Lime (60ml x 6 Bustine)
  • Gel Energetico al Gusto di Fragola e Lime: Include 6 Bustine da 60ml di Gel Energetico da Ciclismo BetaFuel di Science in Sport al gusto di fragole e lime
  • Rapporto di Maltodestrina Migliorato: Con l’obiettivo di aiutarti nel migliorare la produzione di energia, nell'utilizzo efficiente dei carboidrati da parte del corpo e nel limitare i disturbi gastrointestinali, abbiamo migliorato il rapporto tra maltodestrina e fruttosio che ora è compreso tra 1 e 0,8 su 80gr di carboidrati
  • Per Runner e Ciclisti: La comodità di un gel sportivo in confezioni singole, non ha prezzo. In più, i suoi ingredienti riducono al minimo il rischio di disturbi gastrointestinali, per prestazioni sempre al top
  • Formulazione Scientifica: Abbiamo lavorato a stretto contatto con atleti professionisti per la ricerca e lo sviluppo della nuova gamma BetaFuel con l’obiettivo di offrire un integratore dalla formulazione scientifica superiore
  • Per Chi è Sempre in Movimento: Apri una bustina e, semplicemente, spremi il gel che contiene al suo interno direttamente in bocca, quando e dove vuoi
Bestseller n. 2
VeloChampion Lussuosa Crema Chamois Anti Irritazione per Ciclismo, Corsa & Altre attività Sportive. Crema Idratante Vegan | Riduce l'attrito per Uomo e Donna (Crema con Mentolo 150 ml)
  • ✅ IDEALE PER LUNGHI ESCURSIONI E TRAGITTI - Ideale per ciclisti professionisti e per chi richiede allenamenti lunghi, continui e molto duri. Usato da ciclisti che hanno problemi cutanei causato da continuo contatto tra sella e ciclista.
  • ✅ CREMA ANTI-SFREGAMENTO MENTOLO PER ATLETI - Questa crema anti-sfregamento offre una formulazione di lusso che idrata la pelle in profondità con un piacevole aroma di mentolo. Adatto a varie attività sportive come ciclismo, triathlon, corsa, nuoto, escursionismo, ecc… Auita atleti che soffrono di una condizione di disagio causato da surriscaldamento e irritazioni, soprattutto durante i mesi più caldi.
  • ✅ APPLICAZIONE NON GRASSA - Questa crema ha un'applicazione non grassa e può essere usata direttamente sulla pelle o sui pantaloncini. Può essere applicato finché necessario. La crema protettiva barriera tra la pelle, il fondello e la sella. Facile da lavare dalla pelle e dai vestiti. Perfetto da avere con te durante un allenamento continuo e lungo. Può essere facilmente inserito in tasche o borse.
  • ✅ MULTIUSO PER UOMINI E DONNE - Sviluppato specialmente per la cura personale sia degli uomini che delle donne. Questa crema vegana ha proprietà idratanti e funziona bene con il caldo per farti sentire fresca e a tuo agio. La nostra crema idratante è progettata per aiutare a ridurre le piaghe da sella, gli sfregamenti sulle cosce, eccessive pressioni sul piede e il disagio dovuto al ripetuto sfregamento degli indumenti sulla pelle. Solo per uso esterno.
  • ✅ PRODOTTO NEL REGNO UNITO - Garantisce alta qualità. Crema Antisfregamento 150 ml. Regalo ideale per ciclisti e corridori.

Sul Marie Blanque fuoco e fiamme

Nella prima parte di tappa c’è il Col de Soudet, Hòrs Categorie, seguito da un breve ma arcigno 3° categoria. Il clima è freddo, la media oraria è molto alta, alcuni uomini perdono contatto. Ma tutti hanno lo sguardo agli ultimi 26 km di questa frazione. Sull’ultima ascesa di giornata, l’arcigno Col de Marie Blanque, con pendenze costantemente sopra il 10% negli ultimi 3 km, scoppia la bagarre: la fuga perde pezzi sotto il ritmo dell’Ag2r di Gall. Quando Paret-Peintre si sposta, il ciclista austriaco scatta e alla sua ruota rimane solo Hindley. I due collaborano per qualche kilometro, poi l’australiano della BORA-Hansgrohe se ne sbarazza e si invola verso la vittoria. Dietro invece avviene una scena che avevamo visto già l’anno scorso: improvvisamente la Jumbo prende in mano la situazione, sgretola il gruppo dei migliori e in poco tempo rimangono solo Kuss, Vingegaard e Pogacar.

Quando l’americano termina il lavoro, il campione in carica del Tour scatta e si sbarazza del rivale sloveno. Vingegaard rimonta i fuggitivi tra salita e successiva discesa e termina questa tappa del Tour 5°, a 34″ da Hindley, insieme a Ciccone, Buchmann e Gall. Pogacar arriva al traguardo a 1′ 38″ dal vincitore, a 1′ 04″ dal rivale danese.

Ciccone è al centro di un siparietto curioso a fine tappa. Sembra infatti che l’abruzzese si sia lamentato di aver ricevuto l’ordine dall’ammiraglia di non aiutare Vingegaard per non fargli guadagnare troppo sul capitano Skjelmose. Ciccone si è risentito perché voleva provare a vincere allo sprint questa tappa del Tour, anche se poi a mente fredda ha dato ragione al Direttore.

Ora, dopo la 5° tappa del Tour, Hindley è maglia gialla. A 47″ Vingegaard, a 1’03” Ciccone, a 1’11” Buchmann, a 1’34” Adam Yates e 1’40” Pogacar.

In 5 tappe di Tour c’è stato più spettacolo che in tutto il Giro

Questa è una provocazione, ma lascia pensare. Non è possibile che in due corse che dovrebbero essere simili per prestigio e conformazione ci sia una differenza di spettacolo così ampia. Eppure quest’anno al Giro i campioni non mancavano, certo non erano quelli del Tour, ma erano comunque corridori di altissimo livello. Com’è possibile allora che da qualche anno a questa parte il Tour sia così più divertente da guardare del Giro? Chi disegnerà la Corsa rosa dell’anno prossimo dovrà farsi delle domande e darsi delle risposte.

Cesare Fabrizi

Ha 27 anni, ha studiato all’Accademia d’arte di scrittura e storytelling e sogna di pubblicare un fumetto da lui sceneggiato. Si è innamorato del ciclismo durante la terza tappa del Giro d’Italia del 2004, vinta da Damiano Cunego. Quel giorno decise che da grande avrebbe fatto il ciclista, purtroppo non è andata così e si consola con il tennis. Da allora non si è perso un Giro d’Italia e un Tour de France, e questo spiega la sua predilezione per i cronoman e gli scalatori come Wiggins, Contador e Pogacar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *