Tour de France 2024: tutti i migliori al mondo al via

Il Tour de France 2024 si presenta come un’edizione all star della Grande Boucle. Tutti o quasi i ciclisti migliori al mondo sono presenti per dare spettacolo su di un percorso mai come quest’anno ispirato e che promette spettacolo.

Duello Pogacar-Vingegaard con Roglic ed Evenepoel terzi incomodi

Tutti gli occhi sono puntati su Tadej Pogačar. Il fuoriclasso sloveno, dopo aver dominato il Giro d’Italia, cerca la clamorosa doppietta che manca dal 1998, anno di grazia di Marco Pantani. Lo sloveno è il superfavorito del Tour de France 2024, sia perché è in uno stato di forma straordinario sia perché Jonas Vingegaard, il campione in carica, è reduce dal bruttissimo infortunio del Giro dei Paesi Baschi. Il fuoriclasse danese non corre proprio dalla corsa a tappe spagnola, ma se riuscisse a limitare i danni nella prima parte di Tour potrebbe poi rimontare nella terza settimana, laddove le sue qualità di fondo e di scalatore potrebbero favorirlo.

I due corridori che però potrebbero fungere da scheggia impazzita sono Remco Evenepoel e Primoz Roglic. Lo sloveno ha vinto il Criterium del Delfinato ed è tutto l’anno che prepara il Tour de France 2024, unico GT che manca alla sua collezione. Evenepoel invece debutterà alla Grande Boucle. A eccezione della Vuelta 2022, terminata in trionfo, il due volte campione del mondo ha sempre fatto fatica nei Grandi Giri. Non è da escludere che il belga, se si troverà distante in classifica, inizi a pensare alle Olimpiadi di Parigi, forse il suo principale obiettivo dell’anno.

Bestseller n. 1
Abbigliamento Ciclismo Set Manica Corta Tuta Ciclismo Uomo Tuta da Bicicletta MTB Estiva da Uomo, Con Pantaloncini Imbottiti in Gel Traspirante e Ad Asciugatura Rapida (Blu C,L)
  • Tessuto di alta qualità: Jersey: tessuto a rete 100% poliestere. La parte superiore della maglia adotta un tessuto a rete che ha molti fori sottili, è traspirante e traspirante, mantiene il tuo corpo sempre fresco e fresco. Salopette: tessuto in lycra, che è di forte elasticità e ti fa sentire a tuo agio.
  • Design riflettente: la striscia riflettente migliora la visibilità durante la guida notturna. La cerniera autobloccante è liscia per zippare. E 3 tasche posteriori hanno abbastanza spazio per riporre i guanti.
  • Tessuto dei pantaloni: i pantaloncini sono realizzati in tessuto di poliestere e lycra, che è di forte elasticità e traspirante, può anche essere comodo durante le attività estive.
  • Funzione anti-shock: il cuscinetto in gel 3D all'interno dei pantaloncini e la schiuma indeboliscono il senso di shock e consentono alla pelle di respirare liberamente, rendendoti comodo per un lungo periodo di guida.
  • Design dei dettagli intimi: 3 tasche posteriori elastiche possono aiutarti a riporre telefono, chiavi, portafoglio, occhiali da sole, occhiali, fischietti, piccole torce elettriche e altri kit da ciclismo. Barra riflettente nella parte posteriore della maglia, ti tiene al sicuro quando guidi di notte.
Bestseller n. 2
HOMTOL Abbigliamento Ciclismo Set Manica Corta Tuta Ciclismo Uomo Completo Ciclismo Estivo Per Bici Da MTB Con Pantaloncini Imbottiti in Gel Traspirante e Ad Asciugatura Rapida
  • 【MATERIALE】: questo set è realizzato in fibra di poliestere al 100%, morbido ed elastico, non facilmente deformabile e molto traspirante, ottimo per l'assorbimento del sudore. Il tessuto altamente elastico permette al corpo di allungarsi liberamente.
  • 【CARATTERISTICA】: maniche corte da ciclismo, la parte superiore è realizzata in tessuto sportivo a rete piccola, le ascelle sono cucite con una grande rete olandese e i pantaloni sono realizzati in tessuto sportivo Lycra ad alta elasticità, che ha una forte traspirabilità e traspirabilità per mantenerlo liscio e asciutto. Assorbimento del sudore, protezione UV, morbido, traspirante, ultraleggero, elastico, idrofilo.
  • 【Cuscinetto protettivo 3D spesso】 Il design interno include un cuscinetto in gel e uno spesso cuscinetto in schiuma 3D, che si adattano ai fianchi senza scivolare e proteggono le ossa dell'anca da danni.
  • 【CLASSICO 3 TASCHE E Orlo ANTISCIVOLO】 3 tasche posteriori elastiche possono aiutarti a riporre telefoni cellulari, chiavi, portafogli, occhiali da sole, occhiali, fischietto, piccola torcia e altri attrezzi da equitazione. Lo speciale bordo elastico in gomma epossidica impedisce ai pantaloni di salire e scendere durante l'allenamento faticoso. Le maglie da ciclismo estive hanno segni riflettenti, che tu vada in bicicletta al mattino o alla sera, puoi migliorare il fattore sicurezza.
  • 【Scenari applicabili】: sia uomini che donne possono indossarlo, ampiamente utilizzato per bicicletta, mountain bike, escursioni a breve e lunga distanza, guida notturna, terreno leggero, corse a breve distanza, ecc. In caso di problemi con i nostri prodotti, ti preghiamo di contattarci prima di restituire o valutare, ti forniremo una soluzione soddisfatta.

Tour de France 2024: outsider, cacciatori di tappe e velocisti

Attenzione poi agli outsider, che in questo Tour de France 2024 sono tantissimi. I tre scudieri di Pogačar Ayuso, Yates e Almeida, tutti e tre in gran forma nel 2024 e già capaci di salire sul podio di un Grande Giro. Matteo Jorgenson, quest’anno vincitore della Parigi Nizza e secondo al Delfinato (se salterà Vingegaard, sarà lui il capitano della Visma). Hindley e Vlasov, qui per supportare Roglic ma che cercheranno senza dubbio di curare la classifica. E poi Gall, Vauquelin, Carapaz, Gaudu, Rodriguez, Bernal, Thomas, Mas, Landa, Yates, Gee.

Capitolo cacciatori di tappe di questo Tour de France 2024: anche qui c’è abbondanza di qualità. Il campione del mondo Van Der Poel e il suo storico rivale Van Aert, di rientro dall’infortunio che gli ha impedito di disputare il Giro. C’è poi il campione olimpico di ciclocross Pidcock, gli ex iridati Kwiatkowski, Rui Costa e Pedersen, il campione europeo Laporte, e poi Mohoric, Girmay, Healy, Degenkolb, Matthews, De Lie, Van Gils e Cort Nielsen. Per quanto riguarda gli spinter, occhio a Cavendish, alla ricerca della vittoria numero 35 che gli permetterebbe di staccare Merckx come plurivincitore di tappe al Tour, Ackermann, Bennett, Jakobsen, Groenewegen, Kristoff, Gaviria, Philipsen (4 tappe e la maglia verde l’anno scorso), Démare e Bauhaus. Capitolo italiani: i due uomini di punta sono Ciccone (maglia a pois in carica) e il neo campione italiano Bettiol.

Il percorso del Tour de France 2024

Mai come quest’anno il percorso è vario, eterogeneo e durissimo. Sin dalle primissime tappe ci sono tanti tranelli e tante occasioni di mettere distanza fra sé e gli avversari. Il Tour de France 2024 partirà dall’Italia con due tappe (Firenze-Rimini e Cesenatico-Bologna) che sembrano delle piccole Liegi-Bastogne-Liegi. Poi un’arrivo per velocisti a Torino e nella quarta tappa ci sarà già il primo vero e proprio momento della verità, con lo sconfinamento in Francia e il Galibier (souvenir Henry Desgrange). Altro passaggio chiave sarà la settima frazione, la cronometro di Gevrey Chambertin (25,3 km) dove gli specialisti potranno infliggere pesanti distacchi agli avversari. A concludere la prima settimana sarà la tappa 9, quella degli sterrati (arrivo a Dijon): qui lì’obiettivo sarà salvarsi e non perdere terreno.

La seconda settimana del Tour de France 2024 presenta molte occasioni per i velocisti e una tappa da fughe (quella di Le Lioran) prima del weekend pirenaico. L’arrivo a Pla d’Adet preceduto dal Tourmalet (Souvenir Jacques Goddet) e l’arrivo a Plateau de Beille del 14 luglio segneranno la generale. E infine la terza, durissima, settimana. Dopo una tappa pianeggiante e due che si adattano alla fuga ci sarà il gran finale. Prima la tappa regina con Col de la Bonette e il Colle della Lombarda. Poi la tappa 19 con arrivo in salita sul Col de la Couillole. E infine la cronometro finale, con arrivo a Nizza. Una crono anomala, con tanta salita, un po’ di discesa e poca pianura. Se alcuni uomini di classifica arriveranno stanchi a quest’ultima frazione potremmo assistere a ribaltoni clamorosi.

Cesare Fabrizi

Ha 27 anni, ha studiato all’Accademia d’arte di scrittura e storytelling e sogna di pubblicare un fumetto da lui sceneggiato. Si è innamorato del ciclismo durante la terza tappa del Giro d’Italia del 2004, vinta da Damiano Cunego. Quel giorno decise che da grande avrebbe fatto il ciclista, purtroppo non è andata così e si consola con il tennis. Da allora non si è perso un Giro d’Italia e un Tour de France, e questo spiega la sua predilezione per i cronoman e gli scalatori come Wiggins, Contador e Pogacar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *