UCI World Tour News: Pogačar confermato al Giro e altre novità

La notizia della settimana è clamorosa ed inaspettata: come anticipato da Gazzetta del Ciclismo qualche giorno fa, è arrivata la conferma proprio da RCS stessa della partecipazione di Tadej Pogačar al Giro d’Italia 2024.

Lo sloveno, il corridore più in vista del momento insieme a Jonas Vingegaard, certamente per quanto riguarda i Grandi Giri, prenderà parte, il prossimo maggio, alla sua prima Corsa Rosa, l’ultimo GT a cui ancora non aveva partecipato, dopo aver affrontato la Vuelta a España, come esordio nei giri da tre settimane, ed essersi poi concentrato soltanto sul Tour de France, riuscendo a vincerne due consecutivamente prima di essere battuto, nelle ultime due stagioni, dal danese della Jumbo-Visma.

Pogačar tenterà quindi, per la prima volta dopo i tentativi di Chris Froome e Tom Domoulin nel 2018, l’accoppiata Giro-Tour, impresa che non riesce a un corridore dal 1998, l’anno magico dei trionfi di Marco Pantani sia in Italia che in Francia.

Il calendario del campione sloveno dovrebbe subire, di conseguenza, qualche variazione rispetto alle ultime stagioni, dovendo gestire la partecipazione a due Grandi Giri consecutivi. Confermata è la partecipazione di Pogačar alla Strade Bianche, dove lo sloveno dovrebbe esordire nella stagione 2024, per poi probabilmente affrontare la Tirreno Adriatico e la prima classica monumento della stagione: la Milano Sanremo.

Dopo la classica di Primavera, il numero uno del ranking individuale UCI, potrebbe scegliere di non affrontare le classiche del pavè, dove l’anno scorso ha trionfato al Giro delle Fiandre, per concentrarsi solamente sulla Liegi-Bastogne-Liegi e sulla preparazione del Giro d’Italia. Tuttavia, la scelta per quanto riguarda Giro delle Fiandre e Liegi-Bastogne-Liegi non è ancora stata presa definitivamente, per cui vedremo nei prossimi mesi cosa sceglieranno di fare l’UAE Team Emirates e Pogačar stesso.

Bestseller n. 1
WUURAA Ultra-Leggero Mountain Bike Stem Manubrio Bicicletta Barra Corta In Lega di Alluminio Sterzo Accessori Ciclismo Offerte Cyber
  • La barra mantiene la barra in posizione sicura.
  • Adatto per la maggior parte delle biciclette a scatto fisso, mountain bike, downhill, bici da pista, BMX, ecc.
  • Realizzato in lega di alluminio anodizzato ad alta resistenza, leggero e durevole.
  • Il colore luminoso e bello lo rende una buona decorazione per le tue biciclette.
  • Squisita e semplice fattura, aspetto forte e resistente all'usura, con effetto antiurto.
Bestseller n. 2
COOSPO BK467 Sensore di Cadenza Velocità Ant+ Bluetooth Bici Sensore Ciclismo IP67 Impermeabile Compatibile con Ciclocomputer GPS, CoospoRide, Zwift, Rouvy, Wahoo
  • 🔵Sensore da ciclismo – Il sensore da ciclismo COOSPO BK467 monitora le letture di cadenza o velocità in tempo reale e trasferisce i dati al computer della bicicletta o alle applicazioni di ciclismo.
  • 🔴Sensore di cadenza RPM: si può cambiare tra la modalità di cadenza e velocità sostituendo la batteria. Il sensore di cadenza si monta sulla pedivella, il LED blu si illumina sul pannello per 3 secondi. Il sensore di velocità viene montato sull'asse e il LED rosso si illumina per 3 secondi sul pannello. Le due modalità non possono funzionare contemporaneamente.
  • 🔵Bluetooth e ANT+ – Integrato con la tecnologia Bluetooth/ ANT+, i dati di ciclismo possono essere trasferiti su applicazioni di ciclismo, orologi sportivi o computer di bicicletta GPS. Si prega di collegare tramite l'app Bluetooth. Impermeabilità IP67.
  • 🔴Compatibile con le applicazioni di allenamento più popolari, come Wahoo, Zwift, Rouvy, RidewithGPS, Peloton, tacx, CoospoRide, può anche essere sincronizzato con CoospoRide tramite l'app Wahoo.
  • 🔵Durata della batteria: viene fornito con una batteria a bottone sostituibile CR2032. La durata della batteria è fino a 500 ore. Non è necessario ricaricarla.

Le altre notizie principali della settimana

Nel corso dell’ultima settimana, oltre alla notizia da prima pagina, soprattutto per noi italiani, di Pogačar al Giro ci sono stato numerose novità per quanto riguarda il panorama World Tour e i grandi campioni che vedremo in azione a partire dal mese prossimo.

Remco Evenepoel ha svelato i suoi obiettivi per la stagione 2024 che vedrà la sua prima partecipazione al Tour de France, dove potrebbe ambire a un piazzamento nei primi cinque in classifica generale. Oltre alla Grande Boucle il fenomeno belga proverà sicuramente le tripletta consecutiva alla Liegi-Bastogne-Liegi, in Primavera, per poi concentrarsi, dopo il Tour, su due appuntamenti chiave della prossima annata: le Olimpiadi di Parigi, in cui probabilmente sarà in gara sia nella corsa in linea che in quella a cronometro, e i Campionati del Mondo di Zurigo, che presentano un percorso impegnativo molto adatto alle caratteristiche di Evenepoel.

Il 2024 sarà l’ultimo anno in gruppo per Mark Cavendish che, dopo aver rinviato di un ulteriore annata la scelta del ritiro, vivrà la prossima stagione interamente con l’obiettivo di conquistare un’ultima tappa al Tour de France, così da scavalcare Eddie Merckx e diventare il corridore con più tappe vinte nel GT francese. Per farlo, il velocista dell’Isola di Mann ha recentemente dichiarato che si concentrerà su poche corse durante la stagione, circa dieci al massimo, e su un grande lavoro in altura, rinunciando a partecipare al Giro d’Italia, per farsi trovare pronto a Luglio e conquistare questo straordinario primato.

A far sognare i tifosi di tutto il mondo, oltre al tentativo di accoppiata Giro d’Italia – Tour de France che proverà Tadej Pogačar nel 2024, hanno contribuito anche le parole di Jonas Vingegaard che a Wieler Revue ha dichiarato che il suo sogno sarebbe provare a vincere tutti e tre i Grandi Giri nella stessa stagione, diventando il primo nella storia a compiere un’impresa così folle e difficile da non essere mai stata tentata prima. Vedremo se e quando lo scalatore danese tenterà questa storica tripletta.

Infine, come accennato nell’articolo di settimana scorsa, la questione Uijtdebroeks è ancora in attesa di un verdetto: nonostante le tante dichiarazioni e nonostante l’atleta belga si stia allenando ormai da qualche giorno con il team Visma-Lease a bike, l’Unione Ciclistica Internazionale sta ancora valutando tutto il materiale emerso e, soprattutto, le clausole presenti nel contratto del corridore per emettere un esito finale a questa saga. Sicuramente non dovremo attendere ancora molto, considerando che tra poco più di un mese le squadre si schiereranno in Australia alla partenza del Santos Tour Down Under, prima gara del calendario World Tour della stagione.

Marco Rosso

Piemontese di 23 anni, appassionato di ciclismo fin dalla nascita. Sto studiando Lettere all'università di Torino e mi piace disimpegnarmi con il giornalismo. Ho partecipato da amatore a 2 Giri delle Fiandre, 1 Liegi Bastogne Liegi, oltre ad aver scalato lo Stelvio da Bormio a 13 anni, per assistere a una tappa del Giro. Inoltre ho assistito dal vivo a: 4 Mondiali di ciclismo su strada, 3 Giri delle Fiandre, 1 Liegi, 1 Freccia Vallone, oltre a numerosissime tappe del Giro d'Italia e del Tour de France. Insomma, per me il ciclismo non è solo una passione ma qualcosa di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *