Vuelta tappa 17: la scena è tutta per Roglic, tappa e Maglia Roja

Lo avevamo chiamato questa mattina, parlando dei pronostici per le prossime tappe della Vuelta, e lui ha risposto presente. Ovviamente parliamo di Roglic, con l’unico distinguo che sta nel fatto che a scattare da lontano (a 61 km dal traguardo) è stato Egan Bernal e lui ha avuto il merito di essere l’unico a riuscire a stargli dietro per molti km e a dargli poi dei cambi continui fino alla salita finale. Quella di oggi è stata una frazione movimentata ed emozionante, complicata purtroppo anche da tanta pioggia e da cadute che hanno coinvolto anche la maglia rossa (uscente) Eiking.

La salita finale è di quelle che non lasciano scampo e i due di testa la iniziano con un vantaggio di circa un minuto e mezzo, soprattutto grazie ad un’azione incessante di Damiano Caruso che si è messo in testa a tirare per ridurre lo svantaggio del gruppetto, a favore del proprio capitano Haig. La salita di Covadogna, una delle più amate dagli spagnoli e delle più famose della Vuelta, inizia ai -12,5 km ed ha una pendenza media del 6,9% con picchi durissimi del 20%.

Il gruppo anche sulla salita finale inizialmente riesce a rosicchiare diversi secondi ai due campionissimi davanti a loro. Molto buona l’andatura fatta da Haig, che porta molti corridori a perdere le ruote del gruppo. Dopo qualche km però sono i due di testa a riprendere a guadagnare sul gruppo. Ai -7,5 km è Bernal a dare i primi cenni di cedimento, pagando le fatiche di una tappa condotta in modo strepitoso, e perde le ruote di Roglic.

Tappa al traguardo nel segno di Roglic

Nel gruppo a 6,5 km dal traguardo parte Miguel Angel Lopez, mentre invece si spegne sempre di più la luce di Egan Bernal, capace di incantare per 55 km e di cadere poi nel buio più profondo, con il merito però di avercela messa tutta e di averci provato. Roglic davanti spinge forte, con il piglio di quello che ha capita che davanti a lui si sta aprendo un’autostrada verso la vittoria finale.

Nel gruppo ai -4 ci prova anche Mas che viene però poi ripreso dopo circa un km. Mentre a 600 metri dal termine viene ripreso Bernal, autore comunque di un’azione tutta da applausi per aver avuto il merito di provarci da lontano. Roglic taglia il traguardo con un minuto e quaranta circa di vantaggio, mettendo una seria ipoteca su questa Vuelta 2021. Al secondo posto arriva il suo compagno di squadra Kuss, seguito da Lopez e Yates.

Classifica di tappa

  1. Roglic;
  2. Kuss;
  3. Lopez;
  4. Yates;
  5. Haig;
  6. Mas;
  7. Bernal.

Classifica generale Vuelta 2021 dopo la tappa 17

  1. Roglic;
  2. Mas a 2,22”;
  3. Miguel Angel Lopez a 3,11”;
  4. Haig a 3,46”;
  5. Martin a 4,16”
  6. Bernal a 4,29”;
  7. Yates a 4,45”:
  8. Kuss a 5,04”;
  9. Grossschartner a 6,54”;
  10. Gino Mader a 6,58”.

DavePeriodista

Davide Bagnoli è un giornalista iscritto all’albo dell’Emilia Romagna. Nella sua carriera si è occupato di cronaca di ogni genere, ha sempre cercato di farlo con passione e con il sorriso sulle labbra. Quando possibile cerca di trasmettere il suo sorriso anche ai lettori, ama scrivere e questo lo ha portato a pubblicare due libri. La sua più grande passione sportiva è il ciclismo, sport che ama e pratica nel tempo libero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.